Utente 435XXX
Salve, non ho rapporti sessuali da un anno, adesso ho un ragazzo e domani sera dovremmo avere un rapporto sessuale.
Uso la pillola Yaz regolarmente da un anno circa a causa di ovaie micropolicistiche.
Ieri sera alle 21.30 avrei dovuto prendere la pillola (15° giorno), dimenticata e presa stamattina alle 10.30 (16° giorno). Non vivo in Italia e non posso chiamare il mio ginecologo per un parere. So di aver passato le famose 12 ore, quindi come funziona? Posso avere un rapporto non protetto e rischiare?
Comunque lo conosco e mi fido abbastanza riguardo "altri" eventuali rischi non legati a possibili gravidanze.
Ringraziandola anticipatamente, le auguro una buona giornata.
[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signorina se si dimentica di prendere la pillola nel periodo tra il 15 e il 21esimo giorno un eventuale rapporto non protetto può comportare un rischio di gravidanza. La cosa da fare è quella di prendere anche dopo le 12 ore la pillola anche se ciò dovesse comportare l'assunzione di due compresse contemporaneamente. Le altre compresse devono essere prese secondo il ritmo abituale. La confezione successiva deve essere iniziata subito dopo avere terminato la precedente, cioè senza fare il solito intervallo tra le due confezioni. Comunque visto che tra un giorno avrà un rapporto è più conveniente usare il preservativo se non vuole correre rischi non eliminabili in altro modo.
Cari saluti
Gerunda
[#2] dopo  
Utente 435XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio per la risposta e per avermi dedicato del tempo. Le auguro una buona giornata.
[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Grazie e passi una bella serata. cari saluti
Gerunda
[#4] dopo  
Utente 435XXX

Iscritto dal 2017
Salve, Dottore.
Ho fatto come mi ha consigliato, non ho assunto le 4 pillole bianche e ho cominciato una nuova scatola. Sono al 13° giorno, il flusso di sangue è terminato solo due giorni fa, non è stato abbondante, ma ho avuto un forte prurito dal 1° giorno che ad oggi sembra essere diminuito, ma è ancora presente. Ho perdite giallastre mai avute prima associate a cattivi odori, per quanto io possa lavarmi, dopo un paio d'ore ricompare e mi crea disagi. Il prurito è diminuito con l'uso di Ginexid (una schiuma per l'igiene intima consigliatami dal ginecologo). Purtroppo vivo in Inghilterra e non mi fido molto della sanità inglese, dato che ci lavoro e vedo come funziona. Dunque dovrei tornare in Italia per una visita. Pensa sia il caso di tornare subito o aspetto altri giorni e vedo come va?
La ringrazio anticipatamente per l'attenzione.
[#5] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Gentilissima signorina la primaria causa che porta poi ad una perdita vaginale di tipo giallastro è una infiammazione batterica, detta anche Vaginosi batterica, che può provocare perdite vaginali di tipo giallastro, anche se poi ogni soggetto da una propria interpretazione sulla tipologia della secrezione in quanto alcune paiono riscontrare un colore più luminoso, altre più opaco. E' però da considerare che per esempio l'infezione da Clamidia è causa di perdite giallastre, ed è sessualmente trasmissibile e induce solitamente ad un cambiamento delle secrezioni vaginali, ad un cambiamento del colore normale e all'insorgenza di cattivi odori. Peraltro si è anche riscontrato che l'uso di sostanze estranee come i profilattici di lattice, lo sperma stesso e i saponi aggressivi rendono la normale perdita vaginale di tonalità giallastra. Anche la Tricomoniasi, un'infezione da protozoi, ha come sintomatologia abbondanti perdite vaginali di colore giallastro, accompagnate da secrezioni schiumose e cattivi odori. Visto che la situazione nonostante il detergente che usa non accenna a risolversi, sarebbe opportuno eseguire un tampone vaginale per verificare se è presente una infezione batterica e quindi curarla di conseguenza. Spero che in Inghilterra riesca a trovare una ginecologo che la sappia curare. Cari saluti
Gerunda