Utente 411XXX
Buonasera,
scrivo per chiedere un consulto in merito ad un ritardo del ciclo.
Prendo la pillola zoely da un anno, senza interruzioni sempre alla stessa ora. Ultimamente ho avuto delle dimenticanze, ma l'ho sempre assunta qualche ora dopo l'orario stabilito, e mai dopo un rapporto, sempre prima (oltre alla pillola però, pratico anche il coito interrotto perchè mi sento più tranquilla). Il ciclo però non si è presentato durante le pillole placebo, e prima che finissi il blister ho avuto delle leggere perdite marroncine che sono durate un giorno e mezzo. Ora sono alla fine della prima riga del nuovo blister e del ciclo nemmeno l'ombra (6 gg di ritardo).
Ho tutti i sintomi, seno indolenzito, crampi e anche delle perdite giallastre, che però stanno scemando, come mi capita quando finisco il ciclo.
Tutto ciò è normale?
Spero in una risposta, perchè sono un po' preoccupata.
Vi ringrazio,
buona serata.

[#1] dopo  
Dr. Mario Arca

24% attività
4% attualità
12% socialità
OLBIA (SS)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
sta assumendo un'ottima pillola, che però ,come le altre, richiede un'assunzione regolare. Pertanto procastinare l'assunzione di un'ora o anche più, normalmente non inficia la comparsa del flusso da privazione. Penso però che lei abbia ritardato l'assunzione di molte ore o per diversi giorni, ciò ha permesso la ripresa dell'attività ormonale fisiologica!
Pertanto , considerando che lei pratica anche una contraccezione di barriera (povero maschio!!!), non ci dovrebbero essere rischi di una probabile gravidanza.
Darle un consiglio è difficile! Ci provo:
Continui l'assunzione della pillola praticando, adesso è opportuno ,l'utilizzo del profilattico.
Se dovessero comparire delle perdite ematiche non riferibili ad una mestruazione, cessi la pillola, effettui un test di gravidanza e in caso di risultato negativo, aspetti il prossimo ciclo e riprenda la pillola come se fosse la prima volta.
Un'avvertimento: tutte le pillole avendo un dosaggio più basso, rispetto alle storiche, la mancata assunzione può indurre la ripresa dell'attività ovarica fisiologica.
Se questo consiglio non lo ritenesse soddisfacente , consulti il suo ginecologo di fiducia.
Saluti,
Dr Mario Arca
Dottor Mario Arca
dirigente medico 1 livello
Ospedale"Giovanni Paolo 2" Olbia