test  
 
Utente 437XXX
Ho 50 anni ed improvvisamente , dopo qualche giorno di spossatezza sono apparsi punti rossi che mi hanno imposto di recarmi al pronto soccorso dove si è appurata presenza orticaria e prenotazione visita dermatologica il giorno seguente. La mattina successiva mi veniva contestualizzato "rush papulo vescicoloso al volto, tronco, arti superiori - Sospetta varicella" In effetti non ricordo di avere mai avuto la varicella. Misonos tate prescritte analisi "Emocromo con formula- PCR - AC anti HVZ IgM e IgG e Famciclovir 500 3 x 7 gg Ho effettuato le analisi all'inizio del rush quando cioè mi sono uscite bolle identiche a quelli vistei su internet su soggetti adulti affetti da varicella. - a distanza di una settimana in fase di risoluzione ( Ho avuto febbre fino a 38.5 per 2/3 giorni, poi ridotta , ora regolare 36.5 ) vorrei capire però le analisi, in attesa della visita .
Virus Varicella Zoster Anticorpi Igg 180,80 - Positivo
Virus Varicella Zoster Anticorpi IGM 0,95 Border line
PCR 3,9
Ribadisco avere effettuato analisi il terzo giorno dall'inizio del rush ( inizio lunedì sera - analisi mercoledì ore 7.00 di mattina )
Che cosa stanno a significare i valori riscontrati ? Avevo avuto in precedenza la varicella senza saperlo ? Potrebbe non trattarsi di varicella ? E' opportuno fare nuovi approfondimenti ? E' opportuno ripetere le analisi ?
Attualmente le croste si stanno rimarginando e non ci sono segni evidenti , niente febbre.
Grazie in anticipo per il supporto che potrete fornirmi.
[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
La diagnosi di varicella si fa in genere sulla clinica.
Possibile ovviamente la istologia per verifica e la sierologia.
Per quanto riguarda il suo caso , esso può essere a mio parere controverso. Un aumento anticorpale precedente , dovuto ad incontri occasionali con il virus "selvaggio" potrebbero aver dato solo una protezione parziale dalla malattia , che quindi si é verificata in forma più frustra , analogamente a quanto accade in una piccola percentuale di bambini vaccinati , che pur avendo una certa sieroconversione sviluppano comunque la malattia , in forma più lieve.
In questa ottica si potrebbe giustificare sia il dato delle IgG , sia quello delle IgM.
Per una verifica accademica si potrebbe pensare di rifare presso lo stesso laboratorio gli esami tra 1 mese o più per vedere se vi è stato un ulteriore incremento delle IgM , e magari diminuzione delle IgM.
Ma lascerei queste questioni ai suoi medici :-)
Codialita