hiv  
 
Utente 437XXX
Buongiorno, vi scrivo perché ho un dubbio che non mi fa dormire la notte. Due giorni fa ero seduta sul treno con il mio bimbo, quando ci siamo alzati ho notato che il suo sedile era macchiato, ma al momento non ci ho dato così tanto peso. Dopo pochi minuti ho pensato: se fosse stato sangue? Era rossastro poi sui sedili blu scuro non è che si veda perfettamente. La nostra tratta è spesso frequentata da tossicodipendenti, ogni tanto hanno ritrovato siringhe sui treni, fazzoletti sporchi, la sera soprattutto diventano inutilizzabili... la mia paura è che poi noi siamo stati in giro tutto il giorno, quindi avrà toccato i pantaloni duemila volte, ci ha giocato, è andato in bagno... quello che mi preoccupa di più è che lui ha due taglietti sulla mano fatti con un coltello la sera prima, e se avesse toccato il sedile sporco, sicuramente si è messo le mani in bocca nel tragitto… sono terrorizzata, con questa storia dei tossicodipendenti che lasciano sempre schifo sui treni non riesco proprio a stare tranquilla.. ci sarebbe quindi un eventuale rischio tra aver toccato il sedile e poi occhi, mucose, parti intime? O per la questione dei taglietti.. Vi ringrazio tutti anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
la dinamica che descrive non depone per un rischio concreto di contagio di HIV. Dunque si tranquillizzi.
Veda piuttosto di evitare che il suo bimbo si tagli con giochi poco adatti a lui, come il maneggiare coltelli.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 437XXX

Iscritto dal 2017
Buonasera.. è stato un incidente avvenuto con i nonni.. Per fortuna nulla di grave! Quindi lei mi consiglia di non fargli fare nessun test? grazie mille della risposta!
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Cara signora,
dalla risposta in replica #1 si deduce chiaramente che suo figlio non necessita di alcun test.
Cordialità,
Dott. Caldarola.