Utente 440XXX
Buongiorno, sono la mamma di un bambino di tre anni che in data 16/02/2017 ha riscontrato dagli esami del sangue del bambino il citomegalovirus con i seguenti valori:

IGG: 0 - negativo
IGM: 1,870 - positivo (possibilità di prima infezione inizialissima ma non si può escludere reazione aspecifica (falso positivo). Si richiede un secondo campione per controllo tra 5-7 giorni)

Da ottobre sono alla ricerca di una seconda gravidanza. Ho fatto l'esame del citomegalo virus in data 25/02/2017 e sono risultata negativa sia IGG che IGM.

Il mio ginecologo mi ha consigliato di interrompere la ricerca per qualche mese.
Devo seguire il suo consiglio?
Devo rifare gli esami al bimbo per capire se realmente l'ha contratto (vista la nota indicata sotto gli esami)?

Ha senso interrompere la ricerca visto che potrei essere contagiata da chiunque e in qualsiasi momento (mio marito compreso) e che non sono chiari i tempi di incubazione e i tempi di trasmissione del virus?

Quante probabilità ho di contrarre il virus in una situazione simile?

Chiedo scusa in anticipo per le mille domande.

grazie
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
se non sia una tragedia sarebbe bene che il bimbo rifacesse IgM+IgG anti CMV. Altrimenti è inutile traumatizzarlo.
Resta che se l'abbia contagiata sarebbe la migliore cosa, dal momento che se lei affrontasse la gravidanza senza anticorpi IgG anti CMV, chiunque la potrebbe contagiare.
Credo che debba forse un pochino ridimensionare le sue angosce.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.