Utente 908XXX
Scusate per la domanda sicuramente superflua, ma ho paura e ho pensato che, forse, prima di fare un test di verifica, qualcuno di voi avrebbe potuto rassicurarmi un poco.
Il mio migliore amico ha l'HIV e me l'ha svelato solo l'altro giorno (venerdì 21 Novembre, due giorni fa). Non so perché l'abbia fatto, forse non ci ha pensato (è una persona meravigliosa, davvero) o forse (spero!) non c'è pericolo di contagio, ma prima che me lo raccontasse, circa una mezz'ora prima, mi ha fatto assaggiare un sorso del suo cappuccino.
La tazza era molto grande e c'era molto liquido, è una persona molto educata e perciò non penso che troppa della sua saliva sia finita lì dentro. L'ho appena assaggiato, non ho preso un sorso profondo.
Lui ha il retrovirus da pochi mesi (meno di 6, credo) e per ora sta benissimo, non è in terapia e le sue difese immunitarie rispondono in maniera sensazionale; ha più di mille CD4 e che anche gli 8 e i 12 (O 16? Vi prego di perdonarmi, non ricordo con esattezza quale sia il valore preciso) sono alti.
Non credo abbia ferite in bocca o sulle labbra (anche se non posso esserne sicura al 100%), ma lui per primo mi ha spiegato che un eventuale contagio può esserci o per sangue (solo se ci tagliamo a vicenda e stiamo diversi minuti a contatto), o per rapporto sessuale (che è fuori discussione). La saliva ha una percentuale ultraminima, a quanto gli è stato riferito dai dottori di sua conoscenza.
A lui era iniziata con i linfonodi ai lati della gola molto molto gonfi, due palle proprio, che si vedevano a occhio nudo; io è da ieri che ho un leggero dolore se premo con relativa decisione sotto la gola, sia a destra che a sinistra, ma non sotto l'orecchio (cioè ai lati, dove dovrebbero esserci i linfonodi), quindi forse sono le tonsille... però è anche vero che ho un po' di gastrite, mal di gola e virus intestinale, oltre che mal di testa (c'è in giro questo tipo di influenza ora, mi è stato detto). Ho preso ieri sera il Lansoprazolo e il Plasil e i dolori al cardias (che si erano già manifestati a settembre con una infiammazione molto dolorosa e grave, con diarrea, vomito, digiuno per molti giorni, dolori forti all'esofago, febbre alta) si sono subito chetati, stamani non ho quasi più nulla. Mi è rimasto un fortissimo mal di testa; ieri anche con due Moment Act non mi è passato (anche se non sempre mi fanno effetto) e stanotte ho dormito molto male, perciò potrebbe essermi rimasto per quello, credo.
So di essere stupida, so di sembrare una di quelle ragazzina che chiedono se possono essere rimaste incinte se nella stessa stanza c'era un uomo vestito, però sono davvero preoccupata.
Cosa ne pensate?
Grazie a chiunque vorrà aiutarmi.

PS.: Il dolore è molto molto leggero, dopo i medicinali per la gastrite sta un po' passando e i linfonodi non sono per niente gonfi. Il dolore non lo sento ai lati del collo ma sotto il mento, vicino alla gola.
Grazie e scusate.
[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Signora,

il suo amico, suo malgrado , è molto informato, com'è giusto che sia, sull'HIV. No , signora, non ha corso alcun rischio perchè sebbene siano state trovate tracce minime di particelle virali nella saliva, ad oggi non risulatno casi trasmessi con questa modalità, per cui i suoi sintomi sono del tutto aspecifici
[#2] dopo  
Utente 908XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottore, la ringrazio infinitamente per la risposta e la Sua attenzione.
In effetti, dopo aver scritto la mia prima domanda, ho avuto, in questi giorni, una brutta gengivite, oltre a una leggera esofagite da reflusso. I linfonodi si sono sgonfiati da giorni, perciò non credo, in effetti, di aver contratto alcunché.
Avevo anche bevuto dall'altra parte della tazza!
In compenso, mi è capitato di fare le analisi del sangue (quelle ormonali) e i valori, sballati, sono stati quelli seguenti:

FSH: 1.1 (ero nella terza settimana, mancavano circa 10 giorni a che mi venisse il ciclo; penso che fosse la fase luteale, anche se non ne sono del tutto certa, non conosco alla perfezione la definizione di tale fase!)
LH: 7.0
PROGESTERONE: 0.25
17 BETA ESTRADIOLO (E2): 52
TESTOSTERONE TOTALE: 0.39
DEIRDROEPIANDROSTERONE-SOLFATO (DHEA-S): 0,87

E' possibile - anche se non penso, ma mi rimetto al Vs spettabile parere - che possano c'entrare con una forma di incubazione del virus? Quale potrebbe essere la causa di questi valori? Le analisi del sangue semplici sono tutte in ordine, tranne una VES leggermente alta (avevo una dolorissima gengivite!) e l'anemia (la ho da sempre).
Mi scuso per l'ulteriore domanda, attendo serenamente una Vs risposta.
Scusate ancora per il dusturbo, vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.
Buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
No, Signora, i valori degli esami ormonali da lei fatti non sono in relazione a forme virali. Ci dovrebbe comunicare anche i valori di riferimento del suo laboratorio perchè possono variare in relazione alla metodica
[#4] dopo  
Utente 908XXX

Iscritto dal 2008
Grazie, Lei è davvero molto gentile.
Le riporto i valori di riferimento:

FSH 1.1 mIU/ml -> Fase follicolare: 1,8 - 10,5
Picco ovulatorio: 4,5 - 18
Fase luteale: 1-8
Climaterio: > 30

LH 7.0 mIU/ml -> Fase follicolare: 0,5 - 5
Picco ovulatorio: 5 - 30
Fase luteale: 5 - 12
Climaterio: > 12

PROGESTERONE 0.25 ng/ml -> Fase follicolare: 0,06 - 0,26
Picco ovulatorio: 0,08 - 1,2
Fase luteale: 2,5 - 25
Climaterio: 0,08 - 1,6

17 Beta ESTRADIOLO (E2) 52 pg/ml

Fase follicolare: 30 - 60
Picco pre ovulatorio: 150 - 350
Fase luteale: 100 - 280
Climaterio: 15 - 35

TESTOSTERONE TOTALE 0.39 ng/ml -> 0,07 - 0,65

DEIDROEPIANDROSTERONE-SOLFATO (DHEA-S) 0.87 mg/ml (la lettera "m" di "mg", in questo caso, bensì il simbolo dell'unità di misura Micron)

Età fertile: 1,2 - 3,6
Climaterio: < 0,80


Io mi trovavo a tre settimane dall'ultimo ciclo, credo fossero passati circa 18/20 giorni. Dopo circa una settimana/dieci giorni ho avuto il ciclo regolarmente.
Quando ho fatto le analisi stavo covando una gengivite e una leggera esofagite da reflusso. Io ho 22 anni; ho sempre avuto un ciclo regolare, tranne qualche mese fa, per qualche mese di fila, a causa del fortissimo stress al quale sono stata sottoposta nell'ultimo mio anno di vita, con gravi problemi psicologici e utilizzo di psicofarmaci, che però non mi vengono più somministrati dal Marzo scorso.

I dati che Le ho inviato potrebbero indicare una problematica connessa, per caso, al mio metabolismo di dimagrimento e ingrassamento, o, soprattutto, a problemi di fertilità?
La ringrazio per la Sua cortese attenzione.
[#5] dopo  
Utente 908XXX

Iscritto dal 2008
Chiedo scusa per la richiesta, ma vorrei sapere se, per favore, uno fra voi spettabili Dottori potesse cortesemente dare un'occhiata ai valori di riferimento delle mie analisi e darmi quindi un parere sulle stesse.
Purtroppo il mio medico è in vacanza e mi sentirei molto rassicurata conoscendo un Vs parere.
Chiedo ancora scusa per l'insistenza, spero di non avervi eccessivamente disturbato.
Grazie, cordiali saluti.
[#6] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Guardi, Signora, mi sembra che i suoi valori non siano alterati; l'unico da ricontrollare è il DHEA-S. Le consiglio, comunque, di farli vedere anche al suo ginecologo di fiducia
[#7] dopo  
Utente 908XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio per la Sua risposta, contatterò il ginecologo domani.
La prego di scusarmi se pongo nuovamente questo quesito, ma il valore della DHEA-S potrebbe indicare problemi di fertilità?
Grazie infinite.
Cordiali Saluti.
[#8] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Non sono un esperto in materia ma non si può assolutamente parlare di sterilità per un valore soltanto un poco più basso. Io ho parlato solo di ricontrollare ma la valutazione globale deve essere fatta dal suo ginecologo, ma, onestamente , non mi sembrano questi esami da porre problemi
[#9] dopo  
Utente 908XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio dottore per la velocità della sua risposta, la sua disponibilità e gentilezza sono squisite.
Porrò all'attenzione del mio ginecologo i valori delle analisi al più presto, la terrò informata.
Un cordiale saluto.