Utente 352XXX
Gentili Dottori, mio papà è ricoverato da una settimana a causa dei valori di bilirubina in costante aumento (stasera era a 18). Qualche giorno fa ha eseguito una colangio rm che ha escluso la presenza di calcoli, evidenziando però una lesione di circa du cm all'altezza del pancreas. I medici non si pronunciano prima di effettuare la tac con mezzo di contrasto che gli hanno prescritto però senza troppa urgenza (deve farla tra tre giorni). A me sembra una condizione estremamente urgente da risolvere, eppure loro asseriscono che se i valori dovessero raggiungere livelli allarmanti son pronti ad intervenire con un ERCP, per liberare le vie biliari. Io vorrei capirci di più ma loro son fin troppo vaghi dicendo che non hanno nulla in mano per poter fare una diagnosi certa. Vorrei gentilmente un vostro parere. Abbiamo speranze che possa trattarsi di qualcosa si di serio, ma risolvibile senza conseguenze nefaste??.. Per favore datemi una mano, son disperata...

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La lesione al pancreas, purtroppo, non fa pensare bene. È corretto comunque procedere con la TAC e le condizioni itteriche non sono estreme per intervenire immediatamente. In caso di necessità l'ERCP può risolvere l'intero ma si aspetta ad avere l'esito della TAC.


Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la risposta Dottore. Non potrebbe trattarsi di una lesione di tipo benigno?? o di una pancreatite che ha creato un qualche tipo di danno e da qui la lesione?? e se ci fosse stato qualcos'altro a livello di fegato per esempio o vie biliari la colangio rm sarebbe stata già da sola in grado di evidenziarlo?? possiamo sperare quindi che la cosa sia confinata esclusivamente al pancreas?? Chiedo scusa per la miriade di domande ma sto brancolando nel buio e avere risposte esaudienti in un ospedale coi medici che corrono avanti e indietro è tutt'altro che semplice...
[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Comprendo il suo stato d'animo, ma bisogna attendere l'esito TAC....
[#4] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Dottore approfitto della sua gentilezza per chiederle se è normale che in una condizione presumibilmente abbastanza grave mio papà non ha assolutamente nessun dolore o fastidio, mangia e non ha nausea o difficoltà digestive, l'unica cosa evidente è il colorito giallo dovuto all'ittero ma per il resto a guardarlo si direbbe che non ha assolutamente nulla. Non ha neanche perso peso. Valori come glicemia e pressione sono apposto, e non gli stanno somministrando alcuna flebo. Cosa ne pensa?? Lui dice che non vede l'ora di uscire perchè si sente bene
[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Si è normale. L'unico sintomo può essere solo l'ittero anche in presenza di un patologia pancreatica. In pratica è il segno iniziale della malattia.
[#6] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Ah ecco... Quindi una totale assenza di sintomi non indica per forza di cose che si tratti di un qualcosa da poco?! Gravità e sintomatologia non vanno per forza di cose di pari passo...
[#7] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Proprio così.....
[#8] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Dottore dopo tanta insistenza son riuscita a farmi dare almeno l'esito della Colangio RM, in quanto la tac effettuata stamattina non era ancora stata refertata. "Presenza di alcuni artefatti da respiro. Coledoco ectasico (diametro max mm 12,5) in assenza di immagini di minus compatibili con calcoli. Tra la II parte del duodeno e il processo uncinato del pancreas, si osserva una formazione irregolarmente ovalare (mm 24 AP x 25 CC x 19 LL) disomogenea, ipointensa con porzione centrale iperintensa nelle sequenze pesate in T2, che sembra improntare il coledoco distale e che non mostra sicuro piano di clivaggio dalla parete duodenale adiacente. Concomita, a tale livello, lieve ispessimento delle pareti del coledoco. Si associa la presenza di multiple linfoadenopatie a livello celiaco-mesenterico, in periaortico, pericavale ed interaortocavali (diametro max 16 mm). Reperti di non univoca interpretazione (neoformazione pancreatica? ampollare?). Colecisti distesa, apparentemente alitiasica. Cistico di calibro regolare. Lieve ectasia delle vie biliari intraepatiche di sinistra (diametro max mm 4). Vie biliari intraepatiche di destra di calibro ai limiti della norma. Dotto epatico di destra nei limiti (diametro max mm 4), dotto epatico di sinistra lievemente ectasico (diametro max mm 5,5). Wirsung di calibro regolare." Effettuata anche gastroscopia da cui risulta tutto regolare. Mi è stato detto che la Tac sostanzialmente conferma il tutto ma non ha dato informarzioni in più. Cosa dobbiamo pensare?? Continuano a dirci che senza istologico non possono dirci ancora niente di sicuro. Io sto già pensando al peggio... La prego mi dia un parere..
[#9] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Purtroppo confermo quanto detto prima, molto probabile una formazione tumorale del pancreas.