Utente 429XXX
Buongiorno,
Ho 30 anni e in seguito a una candidosi genitale ricorrente il mio medico mi ha impostato una terapia con diflucan 100 mg al giorno per 10 giorni.
Parallelamente, assumo 900 mg di deursil per una calcolosi della colecisti (divisi in due da 450 mattina e sera).

Già dopo il primo giorno di assunzione di diflucan ho avuto diarrea e cefalea, ma le ho viste come dei piccoli effetti collaterali.
A partire dal secondo giorno, ho cominciato ad avere una fastidiosa sensazione di reflusso gastroesofageo (problematica di cui saltuariamente soffro): tuttavia, da subito ho notato che questa volta era un reflusso diverso, la sensazione era di un reflusso "solido", come se avessi del bolo alimentare in continua salita e discesa e lievemente doloroso. Questa sensazione era parzialmente attenuata dal bere acqua, cosa che tuttavia in un secondo momento aggravava il disturbo.
Inoltre, questo "reflusso" non era acido, non dava una sensazione di bruciore e era resistente a qualsiasi farmaco che normalmente assumo per il reflusso (pantorc 40 mc, gaviscon normale o advance, maalox plus). Il disturbo è cresciuto al punto tale da diventare invalidante nello svolgere qualsiasi attività e non presentava grandi miglioramenti in posizione eretta (altra differenza rispetto al solito reflusso).
Così, ho sospeso per due giorni tutti i farmaci, tanto il deursil (che assumo da mesi, senza disturbi), quanto il diflucan.
E a partire dal secondo giorno, ho iniziato a star meglio, fino ad arrivare alla notte in cui non ho avuto alcun disturbo.
La mattina del terzo giorno, ho quindi ricominciato la terapia con diflucan e deursil e il problema è riesploso in forma "acuta".
Questa sensazione di reflusso "solido" non mi ha fatto dormire e praticamente è ininterrotta da ieri (ho dormito due ore in posizione seduta); ieri notte per attenuare questa sensazione di cibo in gola ho provato anche ad assumere plasil, ma non ha sortito alcun esito.
Da notare che la mia candidosi è sostanzialmente eradicata e che le feci e le urine sono normali.

A questo punto mi domando:
1- posso/devo sospendere il diflucan definitivamente? (mi mancano 4 compresse alla fine)
2 - il disturbo è attribuibile al diflucan?
3 - in questo caso, quanto dovrò attendere per vedere nuovamente normalizzata la mia situazione digestiva?
4 - è meglio sospendere anche il deursil per uno o due giorni?
5 - dovrei svolgere analisi del sangue o esami del caso in via cautelare?
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
non mi risulta che il Diflucan provochi i sintomi che lei descrive.
Ciò non significa che occasionalmente possano accadere e in questo caso si va dal Medico e si riferisce il disturbo: sta al medico prescrittore decidere ed eventualmente stilare il modulo per segnalare all'AIFA effetti collaterali post Marketing.
Ella assume Deursil R.P. 450mg b.i.d.: presumo che abbia una litiasi colecistica con calcoli abbastanza grossi che si è accertato beneficieranno del trattamento con acidi biliari.
Presumo che la prescrizione sia stata fatta da un Gastroenterologo molto esperto, che abbia preso in considerazione anche un esame gastroscopico di controllo per escludere il rischio paradossale di una gastrite alcalina da reflusso biliare duodeno - gastrico.
E' proprio al Gastroenterologo che le consiglio di rivolgersi per decidere sulla sospensione transitoria del Deursil o su quella definitiva del Diflucan.
Sarà sempre il Gastroenterologo a valutare velocemente, nel suo stesso studio, il suo addome con la palpazione e una ecografia delle vie biliari e se nel caso lo ritenesse opportuno a prescriverle dei banali test di "funzionalità epatica".
Mi faccia sapere se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 429XXX

Iscritto dal 2016
Si, ho già una gastroscopia prenotata e, siccome la eseguirò in sedazione, degli esami ematici assolutamente nella norma (compresa la funzionalità epatica); ho un solo calcolo di 6mm, ma il gastroenterologo ha ritenuto opportuno passare a 900mg di deursil vista la buona risposta, ma non sufficiente risposta (in questi mesi ho anche preso qualche chilo, avendo smesso di fumare e questo ha ovviamente, in parte, condizionato la colecisti).
Ne ho parlato con il medico di base che con bugiardino alla mano mi ha indicato tra gli effetti collaterali del diflucan dispepsia, nausea e vomito, dicendo di non dare troppo peso alla cosa, vista la sparizione dei sintomi alla sospensione del farmaco.

Infine, per completezza, segnalo che ho effettuato gli ultimi esami ematici circa un mese fa e che ho effettuato parallelamente il test per H.pylori risultato negativo (ma avevo assunto qualche giorno prima pantorc, il che mi hanno detto successivamente riduce la validità del test).
Il medico di base mi ha comunque consigliato di sospendere il diflucan e valutare la situazione.

A giugno ho comunque già prenotata una nuova visita dal gastoenterologo per la colecisti e riferirò di un eventuale persistenza di questa problematica.

Grazie mille anche per la velocità di risposta.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Di nulla!
Buona serata.
Dott. Caldarola.