Utente 432XXX
da qualche settimana ho un mal di gola persistente, con presenza di rauco. La cosa non mi ha mai davvero impaurito più di tanto perché sono allergico al polline e alla polvere e in questo periodo, con la primavera e prima del caldo afoso vero dell'estate, capita di frequente. Ho sempre evitato di prendere qualsiasi medicinale tutte le volte prima e ho lasciato che scomparisse da solo, cosa che poi avveniva regolarmente, magari con un po' di tempo, ma nulla di che. Ora però è davvero lungo ed è da un paio di settimane che, pur con dei miglioramenti, non migliora! Non gli ho dato peso perché avevo la classica sensazione di rauco e "sporco" alla gola, tipica dell'allergia/raffreddore, tanto che si avvertiva principalmente la mattina, appena sveglio. In più, quando starnutivo (in verità poco, è più solo la gola, e qualche momento un po' al naso, ma trascurabile; parlo del rauco, non del dolore!), sentivo come se si accumulasse lì in gola oppure, al contrario, che si "stappasse", si liberasse la gola, almeno un po'. Tuttavia, sono qui a scrivere perché sono capitato a leggere una cosa del tumore alla gola che mi hanno impaurito perché alcuni sintomi li ho, anche se non tutti. Tutti sintomi spiegabili con la presenza di rauco in gola, cioè mal di gola persistente, presenza di qualcosa in gola (come una massa, penso il rauco, speriamo), difficoltà di deglutizione (non per forza quando mangio, sento che la saliva passa tranquillamente in gola anche se passa vicino a qualcosa, come un accumulo di rauco) e mi sembra un leggere cambio di voce (i miei mi dicono che il mio timbro/tono non è cambiato, ma a me sembra più basso, forse perché "malato" di mal di gola. E questi sintomi sono tipici anche di quella brutta cosa! Però, non avverto molti altri sintomi, tipo tosse, mal d'orecchi, noduli, perdita di peso (più che altro fatico ad aumentare, anche se mangio molto, ma allo stesso tempo a diminuire, sono di costituzione così da sempre; ma non è dovuto al non riuscire a mangiare e deglutire durante l'alimentazione), mal di testa, piaghe, linfonodi grossi, difficoltà respiratorie. Insomma sintomi facilmente spiegabili dalla presenza di rauco in gola, ma alcuni tipici anche di quel cancro che mi sta facendo chiedere il consulto! Ora con un'aspirina, presa ieri sera, sembra andare molto meglio, però non so se è un effetto duraturo... consulti? Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Dario De Brasi
28% attività
8% attualità
8% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente , se lei sa già di essere allergico non dovrebbe evitare di curare ( come dice ) la sua sintomatologia respiratoria.
Questo perché la rinite allergica non è una malattie statica che si mantiene nel tempo sempre uguale .
E' una patologia che può invece facilmente produrre aggravamenti come : sinusite , post nasal drip , anosmia ed asma. In special modo se non curata efficacemente. Da come riferisce i sintomi si può ipotizzare che sia andato incontro o ad
un fenomeno acuto di sinusite con gocciolamento retro nasale o può aver incrementato i sintomi di un reflusso gastro esofageo che non sapeva di avere ( oppure entrambe le cose).
Valuti un incontro con un allergologo ( per un trattamento specifico con farmaci antinfiammatori nasali e antistaminici topici ) e consulti un ORL per la necessita di una fibroendoscopia nasale con valutazione dell 'ipofaringe. Quest 'ultimo indicherà o meno la presenza di gerd. Infine stia sereno poiché l 'ipotesi di una neoplasia laringea sembra davvero da escludersi con questa sintomatologia.
saluti
[#2] dopo  
Utente 432XXX

Iscritto dal 2016
Grazie del parere. Tralasciando che è vero che ho l'allergia, ma che col tempo è migliorata di gran lunga da quando ero bambino (i starnuti si sprecavano), da almeno uno decina di anni sicuro, mi conferma che comunque che quei 3-4 sintomo che ho elencato a partire dalla riga 22 non si riferiscono certamente a una malattia grave come il cancro?