Utente 426XXX

Buonasera,
Vi scrivo perché ormai la mia ansia è diventata ingestibile!
Non so più come combatterla. Non so più cosa fare, e sono stanco..di vivere così.

Il mio problema è questo: fondamentalmente evito la gente. Soffro di disagio sociale, ansia sociale, eccessiva timidezza, agorafobia, paura della gente, insomma un problema che non so come affrontare.

Tutto mi crea preoccupazione, ansia. Sono diventato anche ipocondriaco, sto sempre più male, anche se a volte sembra che sia tutto okay.. poi il giorno dopo eccola lì, quella sofferenza dentro di me, che mi distrugge la vita... In passato ho avuto anche attacchi di panico notturni, che poi fortunatamente non sono più riaccaduti.

Credo molto nel dialogo. Spesso, quando mi apro parlando dei miei problemi, di ciò che mi affligge, provo una leggerezza unica, bhè... mi piacerebbe vivere con quella leggerezza addosso... Tutti i giorni.

E' come se all'alba il mio stato di ansia, paura, si rigenerasse, anzi per l'esattezza, dopo i pasti. E' questo che mi ha portato in crisi... Il fatto di non potermi liberare mai completamente da questo grande nemico con cui devo convivere...

Ho una forte necessità di essere amato, di sentirmi amato, eppure tutti mi hanno sempre detto, e continuano a ripetere che sono un bel ragazzo, che non comprendono la ragione per la quale sono sempre depresso, tendendo a scappare...Scappo da tutti e tutto.

In realtà i motivi sono tanti.. ma ho capito, nel tempo, che la radice del problema nasce dall'abbandono di mio padre.

Non so come, e se qualcuno sia in grado di aiutarmi.

Vi ringrazio, cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr.ssa Valentina Sciubba
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazzo,
l'ansia sociale è un problema da non sottovalutare; lei inoltre ci parla di bisogni di essere amato e di un abbandono paterno. Sono problematiche di competenza di uno psicologo psicoterapeuta.
Questo professionista è in grado di aiutarla concretamente a superare l'ansia e i traumi.
L'indirizzo terapeutico strategico breve ad es. ha specifici protocolli di trattamento per i disturbi d'ansia e per i traumi, in genere molto efficaci.
Esistono poi vari strumenti per migliorare le relazioni, a volte peculiari di un indirizzo specifico, come avviene ad es. per la terapia della Gestalt, per le varie declinazioni della terapia breve o per altri indirizzi.
Le consiglio perciò di consultare uno psicologo/a psicoterapeuta con cui si trovi a suo agio e in cui riporre la sua fiducia.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 426XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio, provvederò a contattare uno psicologo-psicoterapeuta. Le confesso però che non ripongo troppa fiducia in un percorso simile, poichè ho l'impressione di non essere aiutato mai concretamente, le parole spesso aiutano, ma alleviano soltanto, non risolvono. Almeno in passato fu così. Le posso dire che francamente, mi spaventano un pò le soluzioni come... ANSIOLITICI/ANTIDEPRESSIVI, ho paura degli effetti collaterali, avendo altri disturbi fisici, e inoltre anche dell'effetto dipendenza.
La ringrazio nuovamente.
Buona serata :)