Utente 918XXX
buongiorno

qualche giorno fa purtroppo sono andato con una prostituta e prima di cominciare e stata lei che ha messo il preservativo

io sbagliando non le ho detto niente, perche' di solito metto io il preservativo tenendo con le due dita il cappuccio che e' il metodo giusto

invece la ragazza ha srolotolato un po il preservativo e poi con le due dita all'interno del preservativo ha allargato un po il preservativo per farci entrare il pene e poi lo ha srolotato compretamente


comunque il preservativo era aderente perche l'ho controllato bene prima di iniziare

la domanda e' questa: ha messo le dita all'interno del preservativo puo' essere che le sue dita erano sporche ed ho corso dei rischi?

prima di mettere il preservativo ha fatto una doccia forse toccandosi le parti intime

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
1) non e' un problema allergologico

2) toccare l'interno del preservativo con le mani (presunte sporche? ma se la tipa si era anche lavata) non comporta specifici rischi, il pene dopotutto non e' sterile

3) bonariamente: se uno non vuole che le donnacce lo tocchino, il sistema piu' efficace e' evitare lui per primo di andare con le donnacce.











[#2] dopo  
Utente 918XXX

Iscritto dal 2008
"dottore"

pensavo di scrivere e ricevere risposte da veri medici, se cercavo un consiglio chiedevo al sito delle iene

la domanda era differente, pero' capisco che talunevolte e difficile leggere e capire per taluni

la domanda era differente e rivolta ad un vero medico

se le mani erano sporche c'era qualche rischio?

sperando che non sia troppo complicato

[#3] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Richiamo la sua attenzione su questo passo della mia risposta:

"2) toccare l'interno del preservativo con le mani ... non comporta specifici rischi".

Questa affermazione risponde direttamente al suo quesito, al meglio delle mie conoscenze. Se non la ritiene soddisfacente, come e' suo diritto, dovrebbe riformulare la domanda in un settore specialistico piu' appropriato (malattie infettive, andrologia, ecc.).