shock  
 
Utente 313XXX
Buona sera,
volevo se possibile delle risposte ad alcune mie domande.
La settimana scorsa sono stato al pronto soccorso in codice rosso per uno shock anafilattico da imenotteri. All'inizio non ho dato tanto peso alla puntura dell'insetto perché sono stato punto ancora senza sintomi. Inizialmente ha preso solo l'esterno del corpo con arrossamenti, gonfiore, prurito e bolle, poi ha iniziato a prendere anche l'interno del corpo ovvero respirazione/pressione e battiti del cuore e svenimento.
Se mi pungono mi è stato detto di prendere 4 pastiglie di cortisone più 1 di antistaminico se poi iniziano altri sintomi l'adrenalina auto iniettante.
-Le mie domande sono il 112 lo devo chiamare solo se mi inietto l'adrenalina oppure anche se prendo solo le pastiglie?
-Quale siringa prendere di adrenalina? Fastjekt oppure JEXT o altre?
-Tra 20 gg devo eseguire il test rast imenottero e poi eventualmente mi hanno consigliato la desensibilizzazione vaccino come funziona?
-Eventualmente una volta finiti i cicli di vaccino posso andare in giro senza farmaci al seguito?
-La reazione può dipendere anche da fatto che la mattina stessa è stato dato del veleno (verde rame) al campo di viti e quindi la vespa o il pungiglione sporchi di veleno, oppure il fatto che subito dopo la puntura ho applicato quelle penne contenete ammoniaca per alleviare il prurito e dolore?

Vi ringrazio per il tempo che mi dedicherete e le eventuali risposte.
Grazie ancora

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Rossella Intravaia
20% attività
8% attualità
0% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2014
Buongiorno. Capisco la sua ansia e confusione.
Intanto le consiglio una visita specialistica allergologica ai fini di poter individuare l' imenottero responsabile.
In caso di anafilassi la prima cosa da fare è l' adrenalina autoiniettabile successivamente steroidi ed antistaminici e non il contrario e accorrere al Pronto soccorso o chiamare il 118 .
Una volta fatta la diagnosi potrebbe essere necessaria terapia desensibilizzante che consiste nella somministrazione controllata mensile dell' allergene specifico.
Sarà comunque il suo allergologo a prospettare tutte le possibili soluzioni.
Cordialmente
D.ssa Intravaia
[#2] dopo  
Utente 313XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la sua risposta, l'ospedale mi ha fissato il test per vedere l'imenottero responsabile tra 2 settimane.
Grazie ancora
Arrivederci