Utente 234XXX
Salve gentili dottori,
da qualche anno ormai combatto con ricorrenti mal di testa e dolori al collo per intenso uso del computer, lavoro infatti in ufficio come videoterminalista. In passato un neurologo mi ha diagnosticato cefalea muscolo-tensiva e prescritto laroxyl che ho assunto per un breve periodo. Ora sia la tensione al collo che i mal di testa stanno tornando e sono preoccupato per il carico di lavoro che mi aspetterà nei prossimi mesi. Parte del mio lavoro infatti consiste nel caricare a computer degli ordini scritti su carta che a volte sono molto laboriosi, anche 50 o al massimo 100 righe di articoli formati da otto codici numerici. Ciò mi sollecita molto il collo per il movimento che fa la testa che guarda prima il foglio e poi il monitor.
La mia domanda è questa: è possibile farmi fare dal medico di base o altro medico un certificato che limiti questa mia mansione a per esempio massimo 2 ore al giorno? o a non inserire ordini troppo lunghi e laboriosi?
Ho accennato di questo mio problema a colleghi e datore di lavoro ma in sostanza mi è stato risposto di arrangiarmi. All'interno dell'ufficio ci sono altre mansioni che posso svolgere tranquillamente senza restare inoccupato.
Ci sono possibilità o alternative per quello che chiedo?
grazie.
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
8% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

potrebbe essere un'arma a doppio taglio in quanto una eventuale limitazione potrebbe crearle dei problemi sul lavoro specie se la Ditta è piccola.

in ogni caso Le suggerisco di parlare con il suo medico curante e se il problema è cronico di farsi seguire presso un centro cefalea e successivamente presentare al medico competente una certificazione specialsitica

Poi legga l'opuscolo informativo per gli addetti al videoterminale ove ci sono scritte anche le pause previste per legge.

Cordiali saluti