Utente 260XXX
ho 45 anni, e da circa due mesi soffro di vulvovaginite oramai cronica da candida albicans, accertati con tampone vaginale in fase acuta,e negativo a meta' ciclo.mio malgrado sono costretta ad effettuare la terapia d'urto:fluconazolo 150 ogni settimana.la mia domanda e' questa:la candida non proviene dal mio intestino,il quale funziona benissimo,ma dal rapporto con partner infetto(palesemente),forse sarà il caso di affiancare una cura topica?il vaccino a che punto è? la menopausa mi può dare sollievo? ringrazio anticipatamente cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

casi come quello che descrive debbono essere chiarito con molta attenzione: molto spesso vulvo-vaginiti candidosiche recidivanti sono invece associate a situazioni legate anche ad altri agenti infettivi solitamente batterici.

pertanto la visita e gli esami specifici a largo spettro sono richiesti, così come, una volta acdertata la patologia, il controllo e la terapia conseguente anche per il partner: in altro modo la trasmissione ping-pong è scontata.

cari saluti.