Utente 437XXX
Buongiorno, ho 29 anni, sono magra, mangio frutta e verdura e conduco uno stile di vita normale, nel senso che svolgo un lavoro principalmente di ufficio e vado in palestra quando il lavoro lo permette. Soffro di ovaio multifollicolare e fino a 2-3 anni fa prendevo la pillola anticoncezionale. A causa di seri problemi emotivi per cui ho sofferto d'ansia (ancora adesso non ho risolto del tutto), il mio corpo è stato sottoposto a tantissimo stress. Nel mese di febbraio ho fatto analisi ormonali (includendo tutti gli ormoni, sessuali, tiroidei,...) e non avevo grossi scompensi ma l'unica anomalia era legata al progesterone al di sotto dei livelli normali. Secondo la mia ginecologa quello era dovuto al fatto che non avevo avuto ovulazione quel mese e in effetti non avevo avuto un vero e proprio ciclo. Le volte successive il ciclo è stato normale. Fino ad ora, infatti, quest'ultimo mese non ho avuto il cilco, diciamo che ho circa 22 giorni di ritardo... Credo che cio' sia dovuto ad un motivo ulteriore di stress, in quanto dal mese di maggio ai miei innumerevoli problemi si è aggiunto un grosso problema di circolazione superficiale. Dagli esami Eco-color-Dopller non è stato riscontrato alcun problema di circolazuione profonda ma a livello superficiale ho evidenti vene reticolari, capillari e principi di vene varicose, praticamente sono diventate inguardabili e la situazione è diffusa su tutta la superficie delle gambe. So che il problema è genetico (mia mamma ne soffre ma solo in seguito alle 3 gravidanze) ma ciò che mi preme capire è il perchè ho avuto questa "esplosione" di vene e capillari sulle mie gambe. Inoltre ho notato indebolimento e forte perdita di capelli. Ovviamente devo ripetere le analisi ormonali, ma secondo la mia ginecologa sarebbe meglio aspettare che mi venga il ciclo, è così? Oppure dovrei procedere facendo le analisi? E' possibile che lo stress e problemi con il ciclo mestruale possano aver determinato questi grossi problemi di circolazione superficiale? Proprio non riesco a giustificare questa situazone visto che fino all'anno scorso avevo solo qualche piccolissimo capillare e qualche venuzza sottile visibile... Sono nell'attesa di trovare un flebologo che mi aiuti a fermare un po' la situazione. Su consiglio dell'angiologo di mia madre sto assumendo Daflon e aspetto qualche settimana per indossare le calze a compressione.
Potreste aiutarmi a capire come dovrei approcciare al problema? E se stress/problemi ormonali possano determinare tutto ciò? eppure leggendo su internet mi sembrava di aver capito che alti livelli di progesterone provocano indebolimento delle pareti venose, non bassi?!?!

Vi ringrazio in anticipo per l'aiuto e spero abbiate dei consigli da darmi.

Saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Le consiglierei di affrontare in primis il problema ormonale.