Utente 259XXX
Gentilissimo dottore,
mia nonna è stata al pronto soccorso per sospetta trombosi venosa profonda.
Al P.S. lo specialista che ha fatto l ecodoppler ha refertato che non vi era nessuna TVP ma c'era del gran liquido all'interno del ginocchio e vi era una cisti di Backer. (mi perdoni se scrivo in maniera un po approssimativa ma i referti sono ancora in possesso dei dottori alla clinica dove e ricoverata).
Successivamente all'ecodoppler fatto in P.S. la rimandano in ortopedia.
Qui non si esprimono e la inviano direttamente in una clinica privata convenzionata con l'ospedale.
Ora è li da 6 giorni e finalmente il medico stamattina si è espresso dicendo che si tratta di erisipela.
La stanno curando con antibiotico e antidolorifici.
A parte i mille dubbi che ho e le mille domande che le vorrei fare, mi limiterò a farle solo un paio di domande per dirimere dei dubbi.
Si può diagnosticare )l'erisipela) al 100%, solo con esame visivo e con il riscontro di valori alti di PCR?
Esiste un esame specifico per questa infezione ?
Perchè gli hanno fatto fare anche un rx al torace ed un ecocardio?
Per un quadro completo aggiungo che mia nonna aveva gamba e coscia gonfia, gamba rossa e calda e febbre intorno ai 38.
Ci sono dei consigli che può darmi?
Mi può suggerire qualche domanda o dubbio che posso porre al dottore che la sta curando per "allertarlo" nel caso in cui si stesse sbagliando sulla diagnosi?
Mi perdoni se mi sono dilungato, ma è come se avessi dei dubbi sulla corretta e sicura diagnosi, perche' l'hanno mandata da un reparto all'altro e non riuscivano a capire di cosa si trattasse (questo per i primi 3 giorni).
Grazie mille per la risposta.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gentile Pz
La diagnosi di eresipela è agevole per un dermatologo appena attento. Ed è clinica . Ovviamente si possono fare ricerche microbiologiche ,ma la diagnosi si fa alla ispezione ,alla palpazione e al tatto.
Cordialità Dott.G.Griselli
[#2] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la risposta.
Il medico che ha diagnosticato l'eresipela a mia nonna non è un dermatologo, è specializzato in gerentologia e geriatria.
Come mai, né al primo pronto soccorso, né il giorno dopo, nuovamente al pronto soccorso, nessun medico aveva sospettato erisipela?
E' così difficile da diagnosticare? Perciò le chiedevo se esiste un esame per avere la certezza (100%) che si tratta di eresipela.
Un altra cosa che non mi torna, è che sull'altra gamba non oggetto di attenzione per eresipela, bensì per artrite, gli hanno dato una pomata che si chiama ARTROSILENE. Trattandosi di un FANS ho letto che è assolutamente vietato usare FANS in caso di eresipela. QUINDI?
Scusi per tutte queste domande, ma spero siano gli ultimi quesiti che le pongo.
Intanto la ringrazio per l 'attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gentile Pz
Come avrà letto le ho detto che si tratta di una diagnosi agevole (non difficile, ma ripensandoci.... questo ovviamente è del tutto relativo:-)).
La diagnosi è clinica. Lo streptococco è assai difficile da isolare ,purtroppo. Clinica vuol dire che si fa con la visita.
Per finire il cortisonico può essere contrindicato per il noto effetto proinfettivo dello stesso (infatti di fianco all'effetto antireattivo e antiinfiammatorio vi è l'effetto immunosoppressivo). Diverso é il caso di una applicazione di FANS (Non steroideo) che si gioca dell'effetto antiinfiammatorio ma non comprende il proinfettivo per la immunosoppressione .
Cordialità Dott.G.Griselli