Utente 467XXX
Buongiorno,
La storia di mia madre sembra essere infinita.
Abbiamo iniziato con una mammografia di prevenzione dalla quale è stata evidenziata una massa sospetta.
Il 3/8/17 è stata operata, esportando il carcinoma e il nodulo sentinella.
Il 4/8/17 doveva essere dimessa e invece dall'analisi si sono resi conto di non aver asportato il tumore ma una massa grassa e solo alla fine di questa massa c'era la testa del carcinoma.
È stata operata nuovamente il medesimo giorno.
anche per la diagnosi non siamo stati fortunati, c'è stato un dibattito tra chirurgo e oncologo.
Chirurgo: Sosteneva che bastasse la radioterapia
Oncologo: chemioterapia
Le hanno fatto fare la scintografia alle ossa l'eco addominale tutto a quanto pare senza problemi

Le riporto l'esame istologico: Carcinoma invasivo NST G2 ER 5% PgR Neg, Ki67 10% HER-2 0 pT1c (16mm) N0 0/1 sn. Alla descrizione microscopica aspetto morfologico con caratteristiche di differenziazione salivary gland-type, per cui si è proceduto a esteso pannello immunoistochimico che documenta solo parziale espressione di marcatore basale S100 e cKit, p63 Neg. Calponina Neg Astina ML.
terapia: 4 chemio rosse 12 gialle e 25 radio.

Vorrei gentilmente capire meglio di cosa si tratta, se la terapia è corretta e la gravità.

Mi scuso per essermi prolungata ma ho realmente bisogno di delucidazioni in merito visto la poca chiarezza riscontrata.

Saluti a presto
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ho ben compreso il senso dei suoi dubbi.

Si tratta di un tumore ad aggressivita' "media" e la chemioterapia e giustificata senz'altro dal fatto che si tratti di un tumore NON ormonoresponsivo.


Occorre un volume e forse non basterebbe per correggere alcuni suoi pregiudizi su questa malattia derivati probabilmente da una esplorazione senza guida di informazioni sulla rete.

Nessuno puo' negare che la situazione sia complessa, ma curabile senza alcun dubbio.

Le suggerisco un differente approccio alla malattia, perché di cancro si guarisce, ma è più difficile guarire dalla seconda e più grave malattia che si accompagna ad esso : la paura del cancro !

Di questo ci occupiamo da anni nel mio blog RAGAZZE FUORI di SENO, cui partecipano anche molte figlie di madri ammalate .
http://www.medicitalia.it/news/senologia/6986-blogterapia-ragazze-fuoridiseno-rfs-bilancio-anniversario.html

e in cui e' possibile correggere molti dei suoi pregiudizi su ereditarieta', prevenzione, e soprattutto PAURE e DARE SEMPRE SPERANZA

http://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/4700-dare-speranza-fattori-predittivi-mera-informazione-condanna.html

Se lo desidera (si presenti con un nome, anche fasullo) e dica pure che l'ho invitata io, cosi' puo' saltare tutti i preamboli ed entri nel nostro blog delle RAGAZZE FUORI DI SENO e Le prometto che non la lasceremo sola..
RIASSUMA LA STORIA DELLA MAMMA E PARLI DELLE SUE PAURE senza remore.....
uTILIZZI CON IL COPIA-INCOLLA PURE QUESTA RICHIESTA DI CONSULTO

http://www.medicitalia.it/spazioutenti/forum-rfs-100/come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno-44-955.html
[#2] dopo  
Utente 467XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio tantissimo!

In effetti ho molta paura ma davanti alla mia mamma non ho mai espresso questi pensieri.
Purtroppo ha ragione, forse ho cercato troppo su internet e avrei fatto molto meglio se le avessi scritto subito.
Ho riscontrato poca chiarezza e quindi diciamo, ho fatto da me.

Il mio dubbio principale è perché in un tumore al seno ci sono caratteristiche di differenziazione salivary gland-type.

mi iscrivo sicuramente è la ringrazio ancora.
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
l'aspettiamo