Utente 471XXX
buonasera a tutti, il mese di agosto feci una risonanza magnetica per delle ernie cervicali per una causa di servizio , nel mese di di novembre mi reco da un neurochirurgo per un consulto il quale mi dice di avere delle ernie ma la cosa più importante è di verificare in "sede laterocervicale la formazione disomogeneamente iperintensa di dimensioni assiali di circa 3.2x2.3 cm, lungo il decorso dei vasi sovraortici; ulteriore lesione con analoghe caratteristiche di segnale, più piccola, di dimensioni di circa 2x1.5 cm possibile ipotisi di tumefazioni linfonodali" mi invita a provvedere a tuutti gli accertamenti del caso.
mi reco dal medico di base che mi prescrive una serie di analisi del sangue ed ecografia: glicemia creatinina, got , gpt
[#1] dopo  
Dr. Davide Mascali
24% attività
4% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2013
Salve, dopo un accurata visita bisogna iniziare da una visita otorino e se ecograficamente i linfonodi sembrerebbero non di carattere infiammatorio mi indiriizzerei subito da un ematologo che oltre a esami specifici probabilmente le consigliera di eseguire biopsia di uno di questi linfonodi per esame istologico
Mi faccia sapere
saluti
[#2] dopo  
Utente 471XXX

Iscritto dal 2017
grazie per la risposta ma per mancanza di spazio non ho potuto illustrare tutto il mio percorso clinico:l'esame ecografico condotto con sonda ad alta frequenza rileva:
tiroide in sede, bilobata, asimmetrica di dimensioni lievemente aumentate.
l'ecostruttura della ghiandola è anormale per la presenza di multiple formazioni nodulari, e più evidenti:
al lobo dx, al terzo medio di 7,9mm
al lobo sx al terzo inferiore 5,8mm
in sede paraistmica 7,7mm
le formazioni nudulari mostrano le medesime caratteristiche ecostrutturali, con aspetto iso-ipoecogeno a margini definibili ed orlettati e con segnale CD prevalentemente perilesionale.
L'ecostruttura è ad echi finemente disomogenei ad ecocentricità lievemente ridotta.
Vascolarizzazione intraghiandolare nei limiti.
vettore tracheale in asse.
In sede latero-cervicale dx si rilevano alcune linfoadenopatie con caratteri sospetti, di dimensioni aumentatae ad ecostruttura sovvertita con segnale vascolare scarso ma irregolare, i maggiori, valutandoli in senso cranio-caudale di 48x18mm,14.9, 13.3, e 13.4 mm ed infine posteriormente al lobo dx della tiroide di 26mm.
necessario approfondimento diagnostico e cons. ematologia.
Mi reco dall'ematologo e mi referta linfoadenomalgia in regione laterocervicale dx impne una valutazione istologica attraverso la biopsia escinsionale. si consiglia TAC total body con m.d.c. e visita chirurgo.
Mi reco dal chirurgo il quale mi dice che prima di voler togliere il lifonodo per esame stologico di provvedere prima ad altri accertamenti quale RM Collo , Scintigrafia Tiroidea e TAC con m.d.c.e RX torace.
Eseguo questi esame tranne TAC perché la faroò lunedii referti dicono che :
SCINTIGRAFIA TIROIDEA
L'esame scintigrafico evidenzia: tiroide in sede di dimensioni nella norma,a captazione regolare e disomogenea specie al terzo superiore e nedio del lobo dx che risultano relativamente ipocaptanti.
RM COLLO
in regione sovraclaveare destra, con estensione alla regione laterocervicale omolaterale, inferiormente al muscolo sterno-cleido-mastoideo, si osservano multiple nodulazioni linfonodali pluriconcamerate, con parziali componenti Necrotico-Coalliguative, che mostrano NELL'INSIEME DIAMETRI MAX DI CIRCA 79X33MM.
Ulteriori formazioni con le medesime caratteristiche sono apprezzabili posteriormente al lobo dx della tiroide, con diametri di circa 43x21mm sul piano coronale, e posteriormente al lobo sx della tiroide con diametri di circa 20x6 mm.
Ulteriori nodulazioni linfonodali di circa 10mm si osservano in regione laterocervicale a sx ed a livello dei triangoli posteriori del collo.
ghiandole parotidi e sottomandibolari di regolare volume e intensità.
Regolare il piano cordale.
RX TORACE
Marcato rinforzo della trama ilobronchiale.
Compatibilmente con i limiti della metodica non si apprezzano lesioni pleuro-parenchimali in fase attiva.
Normale il profilo diaframmatico; seni pleurici liberi.
Ombra cardiovascolare nei limiti.
poi ho effettuato un agoaspirato e l'anatomo--patologo mi ha detto che si tratta di un carcinoma papillare e mi ha fatto un preliievo al linfonodo per vedere se sono metastasi
[#3] dopo  
Dr. Davide Mascali
24% attività
4% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2013
ok attenda l'esame definitivo istologico poi probabilmente bisogna intervenire....se ' metastasi da un tumore tiroideo bisogna fare la tiroidectomia totale ed exeresi dei linfonodi ....si faccia seguire da un oncologo gli consigliera il da farsi
Saluti mi tenga aggiornato
[#4] dopo  
Utente 471XXX

Iscritto dal 2017
Buongiorno dott.re volevo chiederle ma è vero che questo tipo di papilloma fa metastasi solo nei linfonodi del collo e non fa metastasi a organi distanti?
[#5] dopo  
Dr. Davide Mascali
24% attività
4% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2013
Salve, e' importante sapere l'origine del tumore.....perché se fosse linfonodo metastatico da uno primitivo della tiroide con chirurgia con eventuali altre terapie puo avere buone prospettive...(Il presentatore Pippo Baudo aveva qualcosa di simile)....ma e' fondamentale ripeto che la segue un oncologo...sara' lui a dirle quale e' la strada migliore per la sua patologia