Utente 949XXX
Gentile dott. sono stata operata a febbraio 2008 per un'endometriosi del setto rettovaginale e precisamente resezione anteriore del retto videolaparoscopica con ricostruzione della continuita' intestinale mediante colo-rettoanastomosi t-t sec.knight griffen ed istituzione di ileostomia temporanea di protezine, colpotomia posteriore ed asportazione di tessuto endometriosico per via transvaginale questo il 4 febbraio.Dimessa il 13.02 sono stata ricoverata nuovamente il gg. 17 per una subocclusione intestinale. Il 27.02 sono stata sottoposta a intervento di chiusura di ileostomia.E' andato tutto bene ma all'inizio non riuscivo ad evacuore la sensazione era "come se fosse stretto" poi andava meglio se tenevo le feci liquide (con acqua magnesica) ma avevo tante scariche al giorno. A luglio mi sono sottoposta a rieducazione sfinteriale (per me dolorosa) e a quel punto il mio intestino si e' completamente bloccato tanto da dover fare un clistere ogni 2 gg. Premetto che non sono mai stata stitica in vita mia anzi avevo un intestino molto reattivo alle fibre come lo e ora ma al contrario tante fibre mi danno la sensazione di occlusione intestinale con nausea e pesantezza pancia gonfissima ma senza evacuazione. Devo mangiare molto poco altrimenti ho la sensazione che" non passi",che non digerisco. Ho interpellato vari dottori ma tutti risolvono il mio problema ordinandomi dei purganti che io non tollero perche' mi causano forti dolori. Sono molto preoccupata e vorrei una Vs. opinione a riguardo perche' non so piu' a chi rivolgermi. In attesa di un Vs. riscontro ringrazio cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La resezione del retto modifica anatomicamente il tratto terminale dell' intestino causando in genere anche modifiche delle abitudini alvine. Una volta verificato che non esistano problemi legati all' intervento da parte del chirurgo, la terapia è medica e consiste sostanzialmente in quello che sta facendo, in genere col passare del tempo le funzioni tendono a regolarizzarsi comunque spontaneamente. Auguri!
[#2] dopo  
Utente 949XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore per la Sua tempestiva risposta, mi sono gia'un po' rinquorata. Porgo a tutti Voi i miei saluti e grazie per il tempo che ci dedicate.