Utente 709XXX
Gent.le Dottore, 4 anni fa, a seguito di una mesoterapia, ho avuto un'importante episodio allergico, in cui pensavo, sinceramente, di stare per morire: mi gonfiai tutta, il mio corpo diventò bordeaux, respiravo male e sembrava che la mai pelle dovesse prendere fuoco dall'interno.Con 2 fiale di non so quale medicinale riuscirono a rimettermi. La cosa mi sembrò strana, visto che il medico (un ginecologo) che mi faceva il trattamento, era un tipo scrupoloso:infatti, prima di iniziare il trattamento (che ripetevo ormai da 4 anni, sempre con gli stessi medicinali - 10 sedute- 1 per ogni settimana) mi faceva comunque le prove allergiche per ogni elemento che andava poi dentro il cocktail che mi iniettava. All'epoca il medico mi ha consigliato di farmi un test per la lidocaina. Non lo feci e lascia perdere il tutto. Oggi, a distanza di 4 anni, ho la necessità di fare questo test in quanto devo effettuare, ambulatoriamente, una piccola operazione per eleminare un piccolo neo. Chiaramente, raccontata questa cosa alla dermatologa, la stessa si rifiuta (logicamente!) di farmi questa piccola operazione se non eseguo prima dei test alla lidocaina e alla carbocaina. Il medico curante mi ha scritto sulla ricetta:"test allergologico alla lidocaina e carbocaina". I vari farmacisti a cui mi sono rivolta, dicono che per prenotare questa dicitura è errata. Sono ritornata dal mio medico curante e mi ha detto che per lui la dicitura è corretta. Rimane il fatto che i farmacisti mi dicono che la prescrizione è errata e doovrei chiedere ad un allergologo quella esatta. Ora, andare a pagare un allergologo solo per chiedere come si fa a fare una prescrizione per accedere a questo esame mi sembra assurdo e mi domando in quale Paese viviamo e fin dove la burocrazia ci farà arrivare! Quindi mi permetto di chiedere a Lei questa informazione. Cosa dovrebbe scrivere sulla ricetta il mio medico curante affinchè io possa andare nella struttura ospedaliera pubblica della mia città ed effettuare questo test? Le sembrerà una cosa assurda, ma mi creda...sono giorni che vado girando per risolvere questa situazione e mi sono davvero stancata! Peraltro, mi sono rivolta anche direttamente alla struttura ospedaliera (io sono di Bari e sto quindi parlando del Policlinico)e gli impiegati non mi hanno saputo rispondere. Hanno cercato di prendere tempo, dicendo che "dovrebbero" chiedere ai medici, "che loro non saprebbero" e così via, dicendomi di tornare e perdere così altro tempo. Sinceramente stavo per combinare un macello in quel momento, ma siccome sono una signora, non ho voluto creare problemi a gente che, incompetente per quanto possa essere, non voglio mettere nei guai. Certo è, che se non dovessi avere una risposta da Lei, mi troverò costretta a tornare lì e creare un pandemonio, perchè qualsiasi pazienza ha un limite! Posso permettermi di andare da un allergologo, ma le pare logico? Solo perchè un medico curante o degli impiegati non sanno come scrivere sulla ricetta per far fare un test? RingraziandoLa anticipatamente, Le invio distinto saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
Mi spiace per tutto quello che le è accaduto, frutto dell'estrema burocratizzazione della Medicina.
Ad ogni modo, premesso che ci potrebbero essere differenze "burocratiche" a seconda dell'Azienda Sanitaria Locale cui apparteniamo per residenza (anche noi medici siamo, talvolta, pazienti), l'iter diagnostico usuale da seguire è quello di richiedere, innanzitutto, una "Visita Allergologica per sospetta allergia a farmaci" (codice prestazione 89.7). Nel corso di tale visita, in base alla sua storia clinica, il collega Allergolgo deciderà se e quale test richiedere provvedendo ad emettere la richiesta più appropriata (es. test cutanei per anestetici locali, etc. che sono esami di secondo livello e di pertinenza specialistica). Per evitare di trovarsi di fronte ad un Centro di Allergologia che non si occupa di test a farmaci e, quindi, non in grado di effettuare i test, è consigliabile contattare telefonicamente direttamente il personale del centro da cui intende farsi seguire per sapere se potranno evadere la eventuale richiesta di test per anestetici locali.
Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 709XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio Dottore. Ora so come muovermi. Le auguro un sereno 2009.