Utente 496XXX
Salve, scrivo qui perché vorrei avere un parere. Mia madre è sempre stata una persona diciamo irascibile, detto dalle mie zie anche da piccola aveva scatti di ira, da un po’ di tempo sta lavorando, da circa 8 mesi, e da lì è peggiorata tantissimo, non fa un lavoro stressante, fa compagnia ad una signora anziana autonoma, ce l’ha con tutto il mondo, non le si può dire niente, nemmeno notizie belle che le rigira a modo suo, non posso chiederle un aiuto, mi minaccia spesso di mettermi le mani addosso senza alcun motivo, a mio padre lo istiga continuamente, ogni minuto del giorno, ha sempre da ridire di qualsiasi cosa, urla tantissimo e inizia a buttare cose per aria a caso, prima è tornata da un weekend per delle gare di mio fratello e ha iniziato a urlarmi contro e se non c’era mio padre mi picchiava (le avevo solo chiesto di ripetere quello che aveva detto perché è tornata senza voce) ma poi la voce l’ha cacciata eccome, io ho 20 anni, non me ne sono ancora andata via di casa perché sto curando dei problemi di salute, anzi sto cercando di capirli, e lei non se ne frega minimamente, anzi mi dice che non risolverò niente. Ogni giorno mi passa la voglia di vivere, ogni giorno desidero tanto scappare e far perdere ogni traccia, l’unica cosa che mi fa restare è il mio fidanzato che da 6 mesi studia a due ore da casa mia e viene in città solo nel fine settimana, vorrei tanto sparire, la mia domanda è.. come è possibile che abbia questi attacchi di ira SENZA ALCUN MOTIVO? Non vuole essere aiutata da nessuno, dice che ci odia tutti e prima si è presa a pugni in petto da sola urlando.. solo perché ioavevo detto che non ero riuscita a sentire cosa mi aveva detto. Ho provato a dire a mio padre di portarla con la forza da uno psicologo/psichiatra perché ho paura che possa essere pericolosa, inoltre ho un fratello di 24 anni e uno di 13. Se mi dovesse mai fare qualcosa, anche solo mettere una mano addosso potrei denunciare il suo stato e farle avere un aiuto forzato? Per favore non so più che fare o pensare.. vorrei solo scappare..
[#1] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti
40% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile ragazza,

"..attacchi di ira SENZA ALCUN MOTIVO?.."

I motivi Sua madre li avrà certamente,
magari afferenti a disagi o altro che noi non sappiamo

anche perche qui ci occupiamo di chi ci scrive.

Dunque qualche domanda su di Lei:
studia? lavora?
Di quali problemi di salute soffre?
chi fa i lavori di casa quando Sua madre è al lavoro?

Saluti cordiali.
Carla Maria Brunialti
[#2] dopo  
Utente 496XXX

Iscritto dal 2018
Sono immotivati perché anche lei non ne conosce il motivo, io non studio perché dovrei pagarmi da sola gli studi ma essendo che non lavoro non posso. Soffro di problemi gastrointestinali da anni e finalmente sono in cura ad un gastroenterologo che mi visiterà per la seconda volta il 20 luglio, e ho scoperto che ho un malfunzionamento della tiroide.
In casa mi occupo di tutto io, delle pulizie, dei vestiti, del pranzo, della cena, ho aiutato mio fratello nei compiti e nella tesina perché lei non se ne fregava, lei sta trascurando tutti noi, compreso mio padre, e nonostante torni a casa tutti i giorni con casa pulita e cena pronta inizia a sclerare per niente, da un momento di calma passa subito a sfoghi di ira.
[#3] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti
40% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

ora comprendo il senso di "IMMOTIVATI":
"..Sono immotivati perché anche lei non ne conosce il motivo..".
Succede spesso; ma ciò non significa "senza motivo".

Ad esempio,
Lei soffriva di disturbi g.i. senza capirne il perchè; solo a distanza di tempo si è scoperto che un "perchè" c'era.

Questo non tanto per giustificare Sua madre,
quanto perchè Lei non si carichi di una rabbia tale che non fa bene nè al Suo corpo, nè alla Sua psiche.

La situazione è indubbiamente complessa ed abbisognerebbe di un ascolto di persona.
Ad esempio presso la Psicologa/o dello "Spazio Giovani" del Consultorio della Tua città, dove potrà recarsi in autonomia
o gratuitamente o con modestissimo ticket.

Saluti cordiali.
Carla Maria Brunialti
[#4] dopo  
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo
32% attività
20% attualità
16% socialità
MAGLIE (LE)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2016
Gentile Ragazza,

Ai suggerimenti della Collega circa l’importanza di prenderti cura di te,dei tuoi stress e delle iper-responsabilità che alla tua età ti trovi ad affrontare rivolgendoti ad un collega,
ti suggerisco di parlare con tuo padre della possibilità di avvalervi (tu e tuo padre) di un consulto di persona con un medico psichiatra per valutare se sono presenti e attuabili gli estremi per un trattamento sanitario obbligatorio per tua madre (che poi sarebbe l’aiuto forzato che ipotizzi nel consulto).
[#5] dopo  
Utente 496XXX

Iscritto dal 2018
Ho provato a provarne con mio padre ma purtroppo nella mia famiglia vedono un aiuto psicologico come una vergogna, quindi penso che appena riuscirò a risolvere i miei problemi di salute e troverò un lavoro, e una casa, andrò da sola da qualcuno per riuscire anche a togliere questo stato di stress e ansia continuo dovuti ai suoi comportamenti, vi ringrazio tanto delle risposte
[#6] dopo  
Dr. Carla Maria Brunialti
40% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
E' un piacere se Le siamo stati di aiuto.

Se ritiene, ci tenga al corrente.

Saluti cordiali.
Carla Maria Brunialti