Utente 136XXX
Salve, da circa un mese e mezzo mi si è arrossato il viso.
Il rossore è costante e lieve in condizioni normali, ma se entro in un ambiente caldo (come un'auto parcheggiata al sole), oppure se faccio un giro in bicicletta, o mi accosto al gas per cucinare, se bevo un goccio di alcool, sia un aperitivo che una birra
la situazione peggiora ed il rossore diventa quasi violaceo, per almeno una o due ore.
Inoltre in condizioni normali, ho un lieve prurito sul viso con delle piccole puntine.
Da un primo esame del sangue è scaturito che ho una percentuale eccessiva di cortisone.
Sono già soggetta ad alcune allergie, come le graminacee, ma non si era mai verificato questo effetto.
Ora sono in attesa di nuovi esami del sangue, consigliatomi dal dermatologo. E
sto assumendo un antistaminico. Le creme e pomate che mi sono state prescritte peggiorano la situazione. Esattamente sono: Advantan crema - Advabase crema - Avene crema.
l'antistaminico è Xyral.
Per lavarmi solitamente uso ICTYAN crema doccia, non uso trucco.
La mia età è 42 anni, ed ho la pelle chiara.

Grazie per qualunque tipo di aiuto o suggerimento.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Cara amica, in attesa di una maggiore definizione diagnostica, suggerirei di evitare alimenti istaminogeni e nel contempo assumerei questa terapia omotossicologica:
* ACIDUM CIS-ACONITUM INJEEL - 1 FIALA INTRAMUSCOLO LUN. MER. VEN.
* HISTAMIN INJEEL FORTE - 1 FIALA INTRAMUSCOLO MAR. GIO. SAB.
A presto.
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
Il consiglio che posso dispensarle è quello di rivolgersi con fiducia ad un dermatologo il quale sicuramente potrà porre una corretta diagnosi; ad ogni modo dalla descrizione che fa è lecito presupporre che non ci sia associazione con taluna allergia, ma bisognerebbe orientarsi verso una diagnosi iniziale di ROSACEA (situazione comunque benigna).
Ne parli col suo dermatologo di fiducia.
Cari Saluti.
Dott. Luigi Laino
Dermatologo e Venreologo, Roma
www.latuapelle.org
[#3] dopo  


dal 2011
Salve e grazie per le risposte. Ho cercato delle informazioni sulla ROSACEA e purtroppo sembrerebbe proprio la diagnosi corretta.
Sto facendo delle visite dal dermatologo e attendo gli esami del sangue.
Comunque le situazioni in cui compare la sudddetta malattia ci sono tutte. Quindi presumo sia proprio quello. Vedrò come affrontare la cosa con lo specialista che mi sta già seguendo.
Grazie ancora.
[#4] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Voglia scusarmi se posso sembrarLe insistente, ma suggerirei di provare con quanto sopra suggeritoLe. Saluti.