Utente 387XXX
Egregi Dottori, perdonate la mia insistenza. Vi ho contattato in precedenza per degli episodi di tachicardia (puls. 130-139)Ho fatto 3 elettrocardiogrammi, risultato tachiacrdia sinusale. Sto prendendo un quarto di compressa di loivon,tutto sembrava ormai superato, le pulsaz si erano regolarizzate fino a che stamattina dopo colazione ero tranquilla e inizio a sentire un tremore allo stomaco, una sensazione di opressione e mancanza di respiro alla bocca dello stomaco, mi controllo i battiti e sono di nuovo a 139.Sono di nuovo disperata.Ma da dove può dipendere il tutto?Quali esami posso fare per capire di cosa si tratta?Secondo voi, ho fatto un eco doppler + tiroide quest'estate, tutto negativo. Devo ripeterli??Si tratta di un problema al cuore Datemi un vostro cortese parere.Attendo un vostro riscontro. Grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,ha mai fatto delle indagini come una gastroscopia?a volte la presenza di ernia jatale potrebbe essere la causa di aritmie cardiache per irritazione,soprattutto se avvengono nel post-prandiale come è successo nel suo caso.Eventualmente per ciò che concerne il cuore si potrebbe pensare di potenziare la terapia del beta-bloccante ed eseguire un holter ecg nelle 24H per chiarire le caratteristiche di questa aritmia.Provi a parlarne col suo medico di famiglia.
Cordialmente
dr.Annoni
[#2] dopo  
Utente 387XXX

Iscritto dal 2007
Egregio Dott.Annoni, innanzitutto volevo ringraziarla per la sua tempestività nel rispondermi e per avermi dedicato del suo tempo. Spero potrà continuare a farlo visto che ho delle domande da farle! La gastroscopia l'ho fatta nel 2003, risulatato esofagite da reflusso e gastrite.Ho fatto una visita gastroenterologa ieri e mi hanno detto, senza alcun esame che anche se c'è un'ernia, sono remote le cause che possa essere questa a provocare i battiti accellerati. Quindi, io mi chiedo allora vuol dire che c'è qualcosa che non va al cuore? secondo lei cosa potrebbe essere? Una ecg con risultato: tachicardia sinusale, può bastare per escludere patolgie cardiache o no? POi volevo sapere, vista la mia ignoranza in materia, cosa sono le "aritmie cardiache per irritazione" e cosa si intende per " post-prandiale".L'utilizzo dei beta-bloccanti alla mia età può essere dannoso per la mia salute? Spero in un'altrettanto tempestiva risposta da parte sua. Distinti saluti e grazie infinite.
[#3] dopo  
Dr. Andrea Annoni
28% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,con tutto il rispetto per il collega nonchè specialista gastroenterologo non sono cosi accordo nel dire che siano cosi remote le aritmie causate da ernie jatali,certo,non sono di sicuro la prima causa di aritmia cardiaca,ma non sono poi cosi infrequenti,la ragione è prettamente anatomica,lo stomaco sta al disotto del diaframma e non lontano dal cuore(puo per curiosità andare a vedere su qualche libro di anatomia o in rete in qualche disegno e si renderà conto come sono vicini),la presenza di un ernia ovvero di una protrusione dello stomaco attraverso l unico punto di discontinuità del diaframma per far passare l'esofago(che si collega appunto allo stomaco)puo andare a"spingere" in prossimità della parete inferiore del cuore e provocare un cert fastidio e irritazione che a volte si puo manifestare con una risposta irritativa del cuore sottoforma di aritmie e tachicardie;è evidente che dopo i pasti con lo stomaco pieno questo fenomeno può accentuarsi;per questo motivo a mio parere(e per il fatto che chi ha un ernia jatale+esofagite dovrebbe farlo con più frequenza)ritengo che la gastroscopia del 2003 sia un po attempata e nel frattempo ci possa essere stata una evoluzione ed andrebbe quindi ripetua a mio avviso.Con questo no le voglio dire che sicuramente è solo ed esclusivamente colpa dell'ernia,ma va per lo neno esclusa come possibilità in maniera definita e col supporto di esami strumentali.Per quel che concerne poi il tipo di aritmia,per quanto sia soggettivamente e sintomatologicamente una delle più fastidiose,la tachicardia è anche una delle più innoque e facilmente gestibili;l'esecuzione di un holter ecg nelle 24 h potrebbe essere un altro esame ulteriore che potrebbe mettere in evidenza le caratteristiche e le modalità di attivazione di questo disturbo;quindi in definitiva io eseguirei l'holter delle 24 h e la gastroscopia di controllo in prima battuta e successivamente in accordo col suo medico di famiglia sarebbe utile una visita specialistica dall'aritmologo per una rivalutazione della situazione alla luce anche dei dati strumentali.Tenga inoltre presente che la terapia col beta-blocco non presenta grosse problematiche ne come effetii a breve che a lungo termine e magari trovata e risolta la causa dell'aritmia si potrebbe eventualmente valutare la sospensione.
In fine mi permetta di rassicurarla sul fatto che è giovane e avrà senza dubbio un cuore sano dove si tratta solo di capire quale sia la causa di questo piccolo disturbo causa di molte ansie e rimuoverla.
Sia fiducioso;cordialmente
dr.Annoni
[#4] dopo  
Utente 387XXX

Iscritto dal 2007
Gentilissimo Dott. Annoni la ringrazio infinitamente per la sua velocità nel rispondermi e per averlo fatto in modo esaustivo. Mi sono un po tranquillizzata dopo aver letto la sua risposta, fino a quando l'altra notte verso le 3 mi sono svegliata e i battiti erano di nuovo accellerati. Adesso anche mentre dormo? come è possibile?
Sono andata dal cardiologo mi ha fatto un ECG e un ECOCARDIOGRAMMA, tutto negativo non ci sono segni di cardiopatie. Le chiedo possono bastare questi esami per escludere qualcosa al cuore o è comunque neccessario approfondire e fare un Holter e altri esami? Il cardiologo mi ha prescritto inderal da 40 mezza compressa a mezzogiorno? é valida come terapia? posso sospendere il loblivon e cominciare con questa? Mi ha prescritto delle analisi del sangue per controllare il ferro e la tiroide, in piu devo continuare la terapia con nexium per lo stomaco perchè anche il dott. come lei pensa che queste aritmie possa no essere rconducibili all'esofagite. Secondo lei sto andando nella giusta direzione in fatto di indagine per capire la causa o ci sono altre indagini piu specifiche che è possibile fare?
Mi perdoni se sono un pò insistente spero voglia rispondere nuovamente alle mie domande, per me sarebbe molto importante. Attendo un suo riscontro e la ringrazio anticipatamente. Distinti saluti.