Utente 745XXX
Buonasera,
ho 20 anni e volevo chiedere un Suo parere circa la terapia datami dal mio medico di base per curare delle placche bianche sulla tonsilla destra.
Mi sono accorta di queste placche lunedì mattina quando ho avvertito un fastidioso mal di gola. Ho avuto soltanto una febbriciattola lunedì sera (37°, non so neanche se considerarla una temperatura rilevante), una leggera cefalea tensiva (probabilmente per i frequenti sbalzi di temperatura) e debolezza che perdura.
Ieri pomeriggio sono stata dal mio medico per la visita e mi è stato prescritto Augmentin per 8 giorni.
Mi chiedevo se fosse una terapia indicata nel mio caso, anche se di fatto ad oggi non ho mai manifestato febbre, e se anche Lei ritiene che per stabilire una terapia antibiotica sia irrilevante la manifestazione febbrile.
La ringrazio in anticipo per la risposta che vorrà gentilmente darmi.
Distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
A mio parere ritengo che la presenza di placche, quindi di essudato purulento, in una tonsillite acuta richieda l'impiego dell'antibiotico. Il dato del rialzo termico modesto o addirittura assente non è rilevante.
Lei comunque sta manifestando cefalea, faringite fastidiosa e soprattutto astenia che perdura, quindi si tratta di un corredo sintomatologico pressochè completo in un processo flogistico (infiammatorio), sostenuto da una etiologia batterica.
La conseguente prescrizione del suo medico nasce non solo dal dato della febbre ma dall'insieme dei sintomi presentati e riferiti così come dall'esamen clinico che solo lui può aver fatto e che hanno portato ad una razionale e logica scelta terapeutica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 745XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio molto per la Sua disponibilità e per aver soddisfatto la mia curiosità.
Ho instaurato la terapia suggeritami, tuttavia l'amoxicillina-acido clavulonico non sta dando i risultati sperati (sono ormai al quinto giorno degli otto indicati) perché le placche sono rimaste e non c'è stato alcun cambiamento nella sintomatologia (anzi, mi sento molto più spossata di prima). Ad ogni modo continuerò la terapia nei termini e nei modi indicati e, nel caso non fosse risolutiva, mi rivolgerò nuovamente al mio medico per sapere il da farsi.

Porgo distinti saluti e auguri di buona Pasqua.
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
ABBADIA SAN SALVATORE (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Cara Utente 5 giorni sono ancora un po pochi.. La tp antibiotica va instaurata per un periodo che va da una a due settimane. Mi raccomando non dimentichi di associare all'antibiotico anche un buon supporto con vitamine in particolar modo quelle del complesso B (le trova facilmente in commercio). E' l'ATB che spesso dà questa sensazione di estrema spossatezza. Eventuali disturbi gastro-intestinali, dovuti all'abbattimento della fisiologica flora batterica saprofita possono essere poi tamponati con yougurt o fermenti lattici.
Comunque se a distanza di 8 giorni le placche sono ancora li e immutate, se non aumentate, è necessario effettuare un tampone faringeo ed effettuare in laboratorio un colturale con antibiogramma per meglio valutare l'appropriatezza dell'antibiotico ed eventualmente sostituirlo giacchè quello che lei assume è ad ampio spettro e potrebbe invece rendersi necessario rimodularlo, in base al risultato dell'antibiogramma, con uno più specifico.
Cordiali saluti e spero abbia trascorso una buona pasqua anche lei.