Utente 137XXX
EGR. Dott. purtroppo mi sono accorto di soffrire da circa 9 mesi di un problema di eiaculazione precoce, nel senso che salvo casi rari riesco a far raggiungere l'orgasmo alla mia partner. L'unica possibilità è sperare che l'erezione duri ancora per un pò dopo l'eiaculazione, ma ciò avviene molto difficilmente. Ho avuto questo problema sin dal primo rapporto sessuale con l'attuale partner, ma mai con le precedenti. Durante gli ultimi due anni ho anche fatto uso di testosterone e derivati ma i livelli ormonali sono sempre rimasti nella norma.
Inoltre da un pò di tempo ho notato che dopo aver avuto un rapporto completo con la mia partner fissa, insorgono sul glande svariati puntini rossi in rilievo che mi provocano del prurito cosa può essere?
Spero possiate darmi un consiglio utile, ho pensato di rivolgermi ad uno specialista ma adesso vivo a Milano e non conosco alcuno a cui rivolgermi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pasquale Carpenito
24% attività
0% attualità
0% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Per l'E.Precoce sarebbe opportuno effettuare alcuni esami:
Spermiocoltura con ATB, Ecografia Prostatica.
Per i puntini rossi si tratta probabilmente di dermatite.
Consiglio Visita dermatologica+ visita Ginecologica evidentemente per la sua partner.

Dott.Pasquale Carpenito
[#2] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Caro,
direi senza dubbio che il Collega, consigliandole approfondimenti medici, le ha dato un ottimo consiglio.
La inviterei, però, a riflettere sul fatto che se il suo problema non si è mai verificato in precedenza vi è la possibilità che fra le cause si possano annoverare anche fattori di natura psicologica (recenti eventi stressanti, problemi relazionali con la partner, ecc). Come reagirebbe, ad esempio, venendo a sapere che gli esami eventualmente fatti risultano tutti nella norma?Non escluda la possibilità di fare delle riflessioni su queste eventuali componenti psicologiche, anche perchè il suo è un problema diffuso, ma che può essere curato puttosto con successo.

Cordiali Saluti

Dr. Bulla Daniel
[#3] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2003
vi ringrazio enormemente per i vostri consigli. A dir la verità una ecografia prostatica l'ho già fatta circa tre mesi fa ed è risultato tutto nella norma eccetto un varicocele di primo grad che però mi è stato detto non avere alcun peso nei problemi da me descritti. Mi era stata consigliata una terapia a base di emla gel ma i risultati sono stati veramente deluedenti perchè con tale crema si finisce per perdere completamente l'erezione a causa della perdita totale d sensibilità del glande. Avevo pensato di provare con una sorta " di "ginnastica" che aumenterebbe prestazioni, durata e qualità del rapporto ma ho paura che si tratti di bufale. Vorrei rivolgermi ad uno specialista, ma non ho i mezzi econoici,nè un nome cui fare rifermento poichè adesso vivo a milano per lavoro da poco tempo....il fatto è che questo problema mi condiziona molto ed ogni volta che mi trovo con la mia ragazza ho sempre molta paura ch vada tutto a finire male, anche se lei non me lo fa pesare in alcun modo e si dimostra anzi sempre molto comprensiva e dice che non le importa.
Aspetto un vostro ulteriore aiuto.
[#4] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Le consiglierei di muoversi in questo modo: contatti il suo medico di base e chieda a lui quali accertamenti potrebbe fare a regime convenzionato (cioè con l'impegnativa del medico, pagando solo il ticket), cercando poi poliambulatori che effettuano al loro interno tali tipi di accertamenti. A regime privato non credo che una visita specialistica costi un'esagerazione, quindi se fossi in lei, visto l'impatto che il problema sembra avere sulla sua vita di coppia, tirerei la cinghia e vedrei di risparmiare almeno per una visita specialistica da un andrologo.
Il discorso psicologico è un po' diverso, poichè presuppone una serie di incontri, anche se durata e frequenza delle sedute possono variare notevolmente.
Per i contatti specialistici di Milano, se proprio non conosce nessuno, e se il suo medico non ha nominativi da darle, provi a guardare su internet (ad esempio questo stesso sito)o sulle pagine gialle.
Se lei fosse interessato ad una consultazione psicologica trova le mie generalità nella homepage, cliccando sulla specialità (Psicologia) alla quale afferisco, e successivamente sul mio nome.

Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2003
Penso che seguirò il suo consiglio, ma vorrei sapere se, nel frattempo, in attesa di tale approccio esiste qualche terapia farmacologica che possa essere in qualche modo di aiuto.
Grazie ancora.