Utente 114XXX
Salve. Devo iniziare con una premessa un po' lunga ma necessaria.
Circa un anno fa a mio figlio che ora ha 39 mesi, kg 13,8 cm 100, , visto lo scarso accrescimento ponderale e zona anale fortemente arrossata, il medico ha prescritto l'esame delle feci per la parassitosi. Ci è stato consigliato un laboratorio di roma dove lo fanno su 3 campioni congelati (mi è stato detto che il biochimico è molto scrupoloso nella ricerca). Sono risultate diverse colonie in stato vegetativo e molto amido non digerito(?). Questo è successo per tre volte, e per tre volte ha fatto una cura con Flagyl sosp. seguita da Genefilus F19 (probiotici). Devo dire che dopo una settimana dalla cura STAVA MEGLIO, COMINCIAVA A PRENDERE PESO E SCOMPARTIVA ANCHE L'ALITOSI. Ora, a distanza di 6 mesi, visti di nuovo gli stessi sintomi, ho voluto far fare l'esame allo stesso laboratorio ma anche su campione fresco ed è risultato positivo. Per confronto, ho ripetuto l'esame anche presso l'ospedale e...è risultato negativo, anche se è presente diverso amido non digerito e diversi batteri...non ci capisco più nulla. Sta di fatto che mio figlio presenta gli stessi problemi. E devo dire che anch'io da circa tre anni ho dolori intestinali, aria, dolori alla schiena, debolezza muscolare e tanta tanta stanchezza (pensare che ero una sportiva vera!). A questo punto vorrei intraprendere un percorso di medicina alternativa per curare mio figlio (che tra l'altro ha alle spalle anche una storia di MRGE e intolleranza alle PLV) e per curare me da questo stato di malessere profondo. Prima però volevo capire se per questo tipo di problema posso sperare di ottenere qualche risultato positivo. In particolare volevo capire, per iniziare, se è possibile fare per lui una cura costituita proprio da erbe e preparati naturali. Grazie, Cordiali Saluti
[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente, non deve preoccuparsi dei disturbi di suo figlio. Sono disturbi molto frequenti che si risolvono molto bene con delle cure omeopatiche appropriate.
L'omeopatia invece di "attaccare" l'eventuale parassita (che non è detto che ci sia) cura il "terreno", mira cioè ad aumentare le difese naturali dell'organismo di modo che questi da solo possa difendersi al meglio.
Si affidi ad un medico omeopata competente e vedrà che suo figlio sarà presto sollevato da questi sintomi fastidiosi.


Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
Scusi,
ma quando dice "non è detto che ci sia" si riferisce ai due esiti discordanti degli esami fatti presso l'ospedale e il laboratorio? Come le ho detto, dopo la cura stava effettivamente meglio, anche se dopo un mese ricominciava di nuovo con gli stessi sintomi. Pensa che sia inutile ripetere gli esami?
Proprio ora ho letto di una certa cura per la parattitosi a base di mallo di noce nera e assenzio. Ovviamente non la intraprenderei senza prima la dovuta consulenza presso una figura esperta.
Lei cosa ne pensa?
[#3] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Se intraprende la via omeopatica gli esami di laboratorio non sono così importanti, eventualmente si potranno rifare dopo la terapia per vedere se è tutto a posto.
Ogni terapia in medicina non convenzionale va strettamente personalizzata perchè ciò che fa bene ad una persona non farà necessariamente bene ad un'altra.
La terapia che cita comunque non è omeopatica ma fitoterapica.

Cordiali saluti