Birra, vino, aperitivi, drink e cocktail: quanto si può bere in gravidanza?

Vincenza De FalcoSapete esattamente quanto vino, birra, cocktail, alcolici potete bere in gravidanza? Avete mai calcolato quante unità alcoliche bevete quando prendete un aperitivo, quando bevete vino a pranzo o a cena, o quando andate in pizzeria e bevete una birra, o quando andate in discoteca e bevete un cocktail?
Articolo a cura di .  Pubblicato il 03/04/2012, cliccato 91299 volte.
 

Sapete esattamente quanto vino, birra, cocktail, alcolici potete bere in gravidanza?

Avete mai calcolato quante unità alcoliche bevete quando prendete un aperitivo, quando bevete vino a pranzo o a cena, o quando andate in pizzeria e bevete una birra, o quando andate in discoteca e bevete un cocktail?

 

Ma che cos’è un’unità alcolica?

Un’unità alcolica corrisponde a 12 grammi di alcol. In pratica un’unità alcolica corrisponde ad esempio a:

- una lattina di birra da 330ml

- un bicchiere di vino di 125 ml

- un aperitivo alcolico di 60ml

- un bicchierino di 30 ml di superalcolico


Se pensiamo quindi a una giornata tipo in cui consumiamo un bicchiere di vino a pranzo e una lattina di birra a cena, un aperitivo prima di pranzo, e un bicchierino di grappa, o cognac dopo cena in totale abbiamo bevuto 4 unità alcoliche!

 

Una donna adulta può consumare 1 al massimo 2 unità alcoliche al giorno

Se si raggiungono 4-6 unità alcoliche al giorno, ed è molto facile raggiungerle se non si presta attenzione, il consumo di alcol diventa eccessivo ed è quello che provoca danni alla salute

 

Che cosa si intende quindi per uso moderato di bevande alcoliche? In pratica quanto posso bere?

Per uso moderato si intende 1 al massimo 2 unità alcoliche al giorno, cioè 7 al massimo 10 unità a settimana.

L’uso eccessivo è pari a 3-6 unità al giorno.

 

Quali sono i danni che le bevande alcoliche possono provocare sulla salute?

L’abuso di alcol per lungo tempo può portare danno a vari organi come il fegato (cirrosi epatica) il pancreas (pancreatite), aumento del rischio di malattie cardiovascolari, polineuropatie, ansia, depressione, psicosi,demenza, cancro, infertilità, menopausa precoce, e altro ancora.

L’alcol oltre ad avere un effetto tossico è ipercalorico e quindi fa ingrassare: ci vuole una passeggiata a passo svelto di 30 minuti per smaltire un bicchiere di vino.

 

Quali sono i danni che può provocare l’alcool in gravidanza?

Prima di tutto l’alcol influisce negativamente sulla fertilità non solo femminile ma anche su quella maschile, quindi diminuiscono le probabilità di rimanere incinta.

Se si instaura una gravidanza l’embrione comincia a subire danni fin dalle primissime fasi del suo a sviluppo, quando ancora non sei al corrente di essere incinta.

L’alcol può esplicare il suo effetto dannoso in vari modi, a seconda della quantità assunta giornalmente e a seconda delle caratteristiche specifiche di tolleranza all’alcol della donna.

Il danno si può evidenziare nelle forme più gravi fin dalla nascita, nelle forme lievi si evidenzia più tardi, in genere in età scolare.

La manifestazione più grave è conosciuta come sindrome feto alcolica, che può portare a:

- Limitazione dell’accrescimento durante la vita intrauterina con conseguente basso peso alla nascita

- Nascita pretermine

- Circonferenza cranica ridotta

- Bassa statura

- Anomalie dell’aspetto del volto (solco naso labiale piatto,parte superiore del naso poco sviluppata,rime palpebrali più corte,labbro superiore sottile)

- Disturbi del comportamento, iperattività.

- Deficit intellettivo, difficoltà nell’apprendimento

- Talvolta cardiopatie congenite o altre malformazioni

Nelle forme più lievi, che spesso non vengono riconosciute facilmente, i disturbi si evidenziano in età scolare con difficoltà nell’apprendimento e disturbi comportamentali, soprattutto iperattività.

 

Questi danni sul bambino si verificano solo se una donna fa un uso eccessivo di alcol in gravidanza?

La risposta è purtroppo no. I danni non si manifestano solo nelle donne che fanno un uso eccessivo di alcol, ma anche nelle donne che assumono modeste quantità di alcol ogni giorno o in quelle che occasionalmente ne abusano.

Ovviamente maggiore sarà la quantità di alcol ingerita, più frequenti e più gravi saranno i danni.

Ma non esiste una quantità “sicura” di alcol in gravidanza, perché anche quantità minime possono creare problemi al bambino.

 

Concludendo quanto posso bere in gravidanza?

Per la tua salute in generale e per la tua fertilità, bevi sempre con moderazione le bevande alcoliche. L’ideale è non superare mai 1 unità alcolica al giorno: 1 bicchiere di vino, una lattina di birra (330ml), un aperitivo.

Nel momento in cui decidi di volere una gravidanza riduci il più possibile o meglio, se ci riesci, astieniti del tutto dall’uso di bevande alcoliche.

Quando sei in gravidanza la cosa più saggia da fare è astenersi completamente da qualsiasi bevanda alcolica.

Se non ci riesci da sola, parlane e chiedi aiuto al tuo medico curante e al tuo ginecologo che potranno consigliarti e aiutarti a smettere.

Il danno da alcol nei bambini può essere evitato facendone un uso moderato nel periodo preconcezionale e smettendo di bere alcol, per un principio di massima precauzione, durante la gravidanza.

Pensaci.

 

 

Autore

Vincenza De FalcoIl suggerisce questi argomenti correlati:  alcol,  birra,  gravidanza,  sindrome feto alcolica
Ha scritto anche questi articoli, queste news e riceve qui.

Condividi questo articolo: 

Ultimi consulti dell'autore:

  • Gravidanza e dolore sotto il pube
    Ginecologia e ostetricia - Cara signora, prima di tutto cerchi di stare a riposo, eviti sforzi, e soprattutto stia tranquilla, a volte può succedere di avere questi disturbi all'inizio della gravidanza, ed è purtroppo vero che ogni gravidanza è diversa dall'altra Immagino comunque che il suo ginecologo le avrà detto di fare  [continua »]
     
  • Gravidanza perdite marroni prolungate
    Ginecologia e ostetricia - Cara signora, effettivamente deve stare tranquilla e a riposo come le ha già consigliato il suo ginecologo. Le perdite marroni che continua ad avere, sono dovute all'accumulo di sangue che si è creato a causa del piccolo distacco della placenta, ed hanno questo colore perchè sono, come dire, "di ve [continua »]
     
  • Gravidanza aò secondo giorno di ciclo
    Ginecologia e ostetricia - Come le ha già detto il dott.Spina, al secondo giorno di ciclo mestruale, è praticamente impossibile che ci sia un'ovulazione, e quindi un concepimento. Quindi stia serena, e tanti auguri di buon anno!  [continua »]
     
 
 
advertising
 
 
 
Altri Speciali "Tutto su..."

 
 
 
 
 
 

Tutti gli speciali salute »





ultima modifica:  18/09/2014 - 0,22        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy