Se soffri di sindrome premestruale anche l'alimentazione, la dieta e lo stile di vita possono essere importanti in associazione ai vari tipi di terapia

La sindrome premestruale è caratterizzata da un insieme di sintomi fisici e psichici che compaiono tipicamente ed esclusivamente nei 7-10 giorni che precedono la mestruazione e si risolvono quando si presenta il ciclo mestruale.

Esistono tre diversi gradi di intensità dei sintomi clinici della malattia: la forma lieve che interessa circa il 60-70% delle donne, la forma media che colpisce circa il 12-36% , e la più grave, o sindrome disforica della fase luteale tardiva, che interessa circa il 3-8% delle donne in cui i sintomi psichici sono talmente gravi da determinare problemi seri anche alla vita di relazione e sul lavoro.

I sintomi più tipici che la donna avverte nel periodo premestruale sono a livello psichico caratterizzati da alterazioni del tono dell’umore come tristezza, ansia, irritabilità, facilità al pianto, aggressività,scarsa concentrazione, a livello fisico invece la donna avverte per esempio stanchezza, pancia gonfia,insonnia, mal di testa, dolore e gonfiore al seno, ritenzione idrica, aumento dell’appetito soprattutto verso alcuni tipi di alimenti, soprattutto i dolci.

I fattori che potrebbero avere un ruolo importante nel determinare l’insorgenza della sindrome premestruale sono di tipo genetico, di tipo ormonale e legati a meccanismi che interferiscono anche con i processi di regolazione della serotonina in fase premestruale.

Per risolvere il problema della sindrome premestruale, oggi noi ginecologi, abbiamo a disposizione varie strategie terapeutiche, come integratori, fitoterapici in particolare l’agnocasto, la pillola estroprogestinica, il progesterone, gli SSRI, rimedi omeopatici, agopuntura, tecniche di rilassamento, psicoterapia e altro ancora.

E’ importante però in tutti i casi dalle forme lievi alle forme gravi, adottare un’alimentazione e uno stile di vita corretto che può aiutare a ridurre i disturbi della sindrome premestruale, associandole ovviamente a un tipo di terapia specifico che vi consiglierà in base alla gravità e al tipo dei sintomi il vostro ginecologo.

Ecco allora alcuni consigli riguardo l’alimentazione, le accortezze nell’impostazione della dieta e alcuni suggerimenti sullo stile di vita, che potranno aiutarvi ad affrontare il vostro problema.

 

Alimentazione e dieta

Cominciate a modificare le vostre abitudini alimentari e ad impostare una dieta da seguire soprattutto nei 7-10 giorni che precedono il vostro ciclo mestruale:

1) Cominciamo dalla colazione, che non va mai saltata,in cui non deve mancare un frutto di stagione, cereali integrali, o una spremuta di arance

2) Evitate di fare pasti abbondanti, ma frazionate nell’arco della giornata tre pasti principali,colazione pranzo e cena, leggeri con l’aggiunta di due piccoli spuntini a base di frutta per esempio a metà mattinata e nel pomeriggio, non saltate mai i pasti. Queste regole di consumare i pasti regolarmente nell’arco della giornata vi aiuta a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue.In fase premestruale infatti a causa della riduzione del livello di serotonina si assiste a un calo degli zuccheri con conseguente aumento della fame per i cibi dolci e i lieviti.

3) E’ opportuno bere sempre molta acqua ogni giorno, almeno un litro e mezzo, per disintossicarvi e aiutarvi a combattere la ritenzione idrica, uno dei fastidiosi sintomi della sindrome premestruale che vi fa sentire gonfie e appesantite nei giorni prima del ciclo.Possono essere utili anche le tisane, ma prima di assumerle chiedete sempre consiglio al vostro ginecologo

4) Ridurre il sale nei condimenti, ed evitare i cibi ricchi di sale, come salumi, patatine, salatini, acciughe sotto sale, dadi per brodo, perchè il sale favorisce la ritenzione di liquidi

5) Scegliere sempre alimenti freschi e di stagione, evitando gli alimenti conservati in scatola o preconfezionati,evitate in particolare gli alimenti che contengono glutammato perchè aumentano l’irritabilità

6) Aumentare la quota di frutta fresca e verdura, che mangiate giornalmente perché ricchi di minerali e vitamine utili per la sindrome premestruale

7) Consumate quindi alimenti ricchi di magnesio che potrete trovare ad esempio nelle verdure a foglia verde (bieta,spinaci, lattuga, ecc), nel mais, nei legumi (fagioli, lenticchie, ceci) nella frutta secca (mandorle, noci,nocciole, arachidi,anacardi,pistacchi) nei cereali integrali.Vi aiuteranno a mitigare alcuni sintomi come il mal di testa, l’irritabilità, la tensione nervosa e l’ansia

8) Le vitamine del gruppo B aiutano la sindrome premestruale perché facilitano i meccanismi che portano alla sintesi della serotonina, in particolare la vitamina B3 e B6 che si trovano nei legumi, formaggi, latte, orzo, pomodori,grano, pesce, patate, carote, spinaci.banane

9) Secondo alcuni studi anche il calcio e la vitamina D e gli acidi grassi omega 3 e 6 sono utili per la sindrome premestruale,alcuni alimenti in cui sono contenuti sono ad esempio il latte e i derivati, i legumi, il pesce azzurro, le uova

10) Evitare il tè il caffè, il cioccolato e la cola che contengono metilxantine che peggiorano i sintomi premestruali

11) Evitare i grassi animali e cibi ricchi di grassi e consumare oilo extravergine di oliva

12) Evitare i lieviti come pizza, focacce e dolci lievitati e le bibite gasate, per cercare evitare il gonfiore addominale nei giorni che precedono il ciclo.

13) Preferire i carboidrati complessi come pasta, pane e riso integrale.

14) Evitate gli alcolici

 

Stile di vita

Riguardo alcune sane abitudini nello stile di vita che sono utili per attenuare i sintomi premestruali ricordo che è importante:

- Dormire regolarmente almeno 7 ore per notte

- Fare attività fisica regolare per aumentare i livelli di serotonina che riduce i fastidi premestruali e per aiutare la circolazione e a combattere la ritenzione idrica. Fate quindi passeggiate, nuotate, correte o dedicatevi a uno sport specifico che vi appassiona particolarmente, ed evitate la sedentarietà

- Imparare delle tecniche di rilassamento o fare lo yoga e lo stretching che vi aiutano a tenere sotto controllo l’ansia e scaricano le tensioni emotive che si accentuano tipicamente in fase premestruale

- Non fumare

 

Bibliografia

- Olive oil biophenols and women's health. Fistonić I, Situm M, Bulat V, Harapin M, Fistonić N, Verbanac D. Med Glas Ljek komore Zenicko-doboj kantona. 2012 Feb;9(1):1-9. Review.

- Dietary B vitamin intake and incident premenstrual syndrome. Chocano-Bedoya PO, Manson JE, Hankinson SE, Willett WC, Johnson SR, Chasan-Taber L, Ronnenberg AG, Bigelow C, Bertone-Johnson ER.Am J Clin Nutr. 2011 May;93(5):1080-6. doi: 10.3945/ajcn.110.009530. Epub 2011 Feb 23.

- Dietary vitamin D intake, 25-hydroxyvitamin D3 levels and premenstrual syndrome in a college-aged population. Bertone-Johnson ER, Chocano-Bedoya PO, Zagarins SE, Micka AE, Ronnenberg AG.J Steroid Biochem Mol Biol. 2010 Jul;121(1-2):434-7. doi: 10.1016/j.jsbmb.2010.03.076. Epub 2010 Apr 14.

- Exercise and premenstrual symptomatology: a comprehensive review. Daley A. J Womens Health (Larchmt). 2009 Jun;18(6):895-9. doi: 10.1089/jwh.2008.1098. Review.

- Insulin sensitivity, food intake, and cravings with premenstrual syndrome: a pilot study. Trout KK, Basel-Brown L, Rickels MR, Schutta MH, Petrova M, Freeman EW, Tkacs NC, Teff KL. J Womens Health (Larchmt). 2008 May;17(4):657-65. doi:10.1089/jwh.2007.0594.

- Omega-3 DHA and EPA for cognition, behavior, and mood: clinical findings and structural-functional synergies with cell membrane phospholipids. Kidd PM. Altern Med Rev. 2007 Sep;12(3):207-27. Review

- Diet and lifestyle factors associated with premenstrual symptoms in a racially diverse community sample: Study of Women's Health Across the Nation (SWAN). Gold EB, Bair Y, Block G, Greendale GA, Harlow SD, Johnson S, Kravitz HM, Rasor MO, Siddiqui A, Sternfeld B, Utts J, Zhang G. J Womens Health (Larchmt). 2007 Jun;16(5):641-56. Erratum in: J Womens Health (Larchmt). 2007 Jul-Aug;16(6):934.

- Calcium and vitamin D intake and risk of incident premenstrual syndrome. Bertone-Johnson ER, Hankinson SE, Bendich A, Johnson SR, Willett WC, Manson JE. Arch Intern Med. 2005 Jun 13;165(11):1246-52.

- Stress, quality of life and physical activity in women with varying degrees of premenstrual symptomatology.Lustyk MK, Widman L, Paschane A, Ecker E.Women Health. 2004;39(3):35-44.

- The multifaceted and widespread pathology of magnesium deficiency.Johnson S. Med Hypotheses. 2001 Feb;56(2):163-70.

- The role of diet in disease prevention. Greenberger P.J Womens Health Gend Based Med. 2001 Jan-Feb;10(1):5-7.

- Energy intake and energy expenditure during the menstrual cycle in short-term smoking cessation. Allen SS, Hatsukami D, Christianson D, Brown S. Addict Behav. 2000 Jul-Aug;25(4):559-72.

- Magnesium supplementation alleviates premenstrual symptoms of fluid retentionWalker AF, De Souza MC, Vickers MF, Abeyasekera S, Collins ML, Trinca LA.J Womens Health. 1998 Nov;7(9):1157-65.

- The association of behavior and lifestyle factors with menstrual symptoms. Kritz-Silverstein D, Wingard DL, Garland FC J Womens Health Gend Based Med. 1999 Nov;8(9):1185-93.

- Macronutrient intake, eating habits, and exercise as moderators of menstrual distress in healthy women. Johnson WG, Carr-Nangle RE, Bergeron KC. Psychosom Med. 1995 Jul-Aug;57(4):324-30.

- Interrelationship of magnesium and estrogen in cardiovascular and bone disorders, eclampsia, migraine and premenstrual syndrome. Seelig MS. J Am Coll Nutr. 1993 Aug;12(4):442-58. Review.