Un altro lavoro scientifico sembra confermare che la dieta mediterranea fa bene, è utile per il nostro benessere generale e ci darebbe una marcia in più per tenere attivo il nostro cervello, rallentandone il declino “naturale” che purtroppo si presenta con l’avanzare dell’età.

 Dieta mediterranea
Elementi base della dieta mediterranea

Questi dati positivi ci arrivano da una complessa ricerca, durata circa sette anni e condotta da un gruppo di ricercatori della spagnola Universidad de Navarra, i cui risultati sono stati pubblicati ora sul Journal of Neurology Neurosurgery and Psychiatry. 

Per arrivare a queste conclusioni sono stati considerati 522 soggetti (44,6% erano maschi) con età media intorno ai 74 anni, senza patologie cardiovascolari in atto ma con importanti fattori di rischio, come diabete senile e/o tre situazioni critiche associate: pressione arteriosa elevata, alti valori di colesterolo e trigliceridi, sovrappeso, familiarità verso malattie cardiovascolari o tabagismo.

Si sono fatti tre gruppi: il primo ed il secondo, messi a dieta mediterranea stretta, annaffiata da una moderata dose di buon vino rosso, con l’unica differenza tra le due per l’aggiunta di dosi supplementari di olio di oliva per il primo e di frutta secca per il secondo; al terzo gruppo veniva invece prescitta semplicemente una classica dieta povera di grassi, come di solito viene indicata per la prevenzione delle patologie cardiovascolari.

Tutti i soggetti sono stati seguiti nei sette anni della ricerca anche dai loro medici di famiglia e naturalmente dai ricercatori per ben controllare se effettivamente la dieta prescritta veniva rispettata.

Dopo avere corretto i dati in base al sesso, età, educazione, famigliarità per eventuali danni cognitivi (come la demenza senile), attività fisica, indice di massa corporea, ipertensione, dislipidemia, diabete, uso di alcolici e tabacco di sigaretta, tutti i partecipanti sono stati sottoposti ad alcuni test per valutare l’”efficienza mentale” come: l’orientamento nel tempo e nello spazio, l’eloquio, le abilità manuali e le funzioni mentali (memoria, attenzione e presenza di pensiero astratto).

In estrema sintesi i risultati di questa ricerca ci confermerebbero che la dieta mediterranea, nelle due versioni qui considerate, è più utile di quella semplicemente povera di grassi nel prevenire il declino delle funzioni cognitive, legato all'età

 

Fontehttp://jnnp.bmj.com/content/early/2013/04/19/jnnp-2012-304792.abstract


Altre informazioni
:

http://www.medicitalia.it/giovanniberetta/news/2864/Meno-spermatozoi-con-troppa-carne-e-formaggi-grassi

http://www.medicitalia.it/giovanniberetta/news/1561/La-dieta-mediterranea-riduce-il-rischio-di-cancro-alla-prostata