In passato abbiamo parlato del digital divide che affligge anche il settore dell'informazione sulla salute e che si riflette esattamente nelle statistiche di accesso a Medicitalia.

E' un problema enorme che è determinato dalle scelte economiche di stampo liberista, appoggiate anche dal governo italiano, di privilegiare le aree più popolose e, dunque, economicamente più appetibili per il dispiegamento delle reti di fibra che garantiscano la banda larga agli utenti. Dunque in primo luogo le aree rurali sono regolarmente eliminate dalla mappa di espansione delle reti che, lentamente, avanzano solo nel territorio italiano più intensamente abitato.

Il secondo parametro di esclusione è l'età.
I cittadini piu' anziani per educazione e cultura pre-internet non hanno mai avuto l'opportunità di imparare le basi dell'uso del computer e dell'utilità dell'accesso alla Rete. Né lo Stato si è mai posto il problema di risolvere questo handicap generazionale.

La semplicissima e geniale soluzione è quella trovata da un ingegnere, il prof. Fornero, docente al Politecnico di Torino. Sulla base di una installazione sperimentale del Politecnico di Torino, con cui è stato preso il potente segnale della banda larga da Torino e trasferito in campagna a Verrua Savoia tramite antenne wi-fi a basso costo ad utenti non collegati via cavo, il professor Fornero ha pensato di mettere questo patrimonio prezioso di conoscenze a servizio di tutti i cittadini. E' nata così l'associazione "Senza fili, Senza confini" basata sul principio della partecipazione dei cittadini all'elaborazione del progetto e alla sua realizzazione in prima persona.

Questo dei volontari che si sono uniti per portare il wi-fi a banda larga nelle zone rurali e meno "appetibil" dalle multinazionali della Rete è il primo splendido concretissimo esempio di come si possa superare questo limite enorme dell'accesso a internet per le aree rurali o comunque emarginate dalle grandi reti in cavo e per i cittadini meno preparati all'uso dei computer e della Rete.

Questa è la base per diffondere ovunque i principi basilari della informazione sulla Salute e della Prevenzione delle malattie dove spesso queste informazioni sono piu' necessarie.

Diffondete la notizia se potete a tutti i vostri contatti e partecipate!
Grazie


Fonte: