Quanta birra hai bevuto? Ce lo dice l’isoxanthohumol

Dr. Gino Alessandro ScaleseData pubblicazione: 13 febbraio 2014Ultimo aggiornamento: 04 marzo 2014

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Prefazione

I Biomarker sono dei “segnali biologici” del consumo di determinate tipologie di cibo o bevande e sono utili per ottenere misurazioni più oggettive dell’esposizione ad un tipo di alimento o bevanda utili soprattutto quando si è alla ricerca di patologie ad esso correlate.

L’IsoXanthohumol (IX) dosato nelle urine è risultato essere un biomarcatore specifico e accurato del consumo individuale di birra è quanto scoperto da Quifer - Rada P , et al. del Department of Nutrition and Food Science-XARTA-INSA, School of Pharmacy, University of Barcelona, Barcelona, Spain.

 

Metodi

Nello studio dose-risposta, 41 giovani volontari (maschi e femmine , di età compresa tra 28 ± 3 anni) hanno consumato dosi differenti di birra durante la notte e un campione di urina è stato raccolto la mattina seguente.

Nello studio clinico in 33 maschi con alto rischio cardiovascolare ( età 61 ± 7 aa ) è stato somministrato 30 g di etanolo (gin o birra) , o una quantità equivalente di polifenoli come la birra analcolica per 4 settimane.

Un gruppo di altri 46 volontari già arruolati nello studio PREDIMED ( Prevenzione con dieta Mediterranea ) sono stati utilizzati come controllo.

I campioni di urina sono stati analizzati mediante cromatografia liquida e spettrofotometria di massa.

 

Risultati

La concentrazione di IX nelle urine aumenta in modo linearmente progressivo con la quantità di birra assunta sia essa alcoolica od analcoolica.

 

Conclusioni

E’ possibile con questo tipo di analisi distinguere facilmente fra i consumatori abituali di birra e quelli astemi con una sensibilità del 67% e una specificità del 100% verificando in questo modo la veridicità dell’interlocutore.

 

Sorgente

J Nutr. 2014 Jan 29; Urinary Isoxanthohumol Is a Specific and Accurate Biomarker of Beer Consumption. Quifer-Rada P, Martínez-Huélamo M, Chiva-Blanch G, Jáuregui O, Estruch R, Lamuela-Raventós RM.Department of Nutrition and Food Science-XARTA-INSA, School of Pharmacy, University of Barcelona, Barcelona, Spain.

 

Autore

ginoalessandroscalese
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1997 presso Università degli Studi di Bari.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 11376.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche dipendenza 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati