Disturbi dell'erezione... attenzione al diabete!

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 27 marzo 2014

Il diabete, cioè l’aumento della glicemia, degli zuccheri nel sangue, è una patologia che può determinare problemi a livello neuro-vascolare ed è questa la ragione per cui l’associazione diabete mellito e disturbi dell’erezione è molto frequente, soprattutto con l’aumento dell’età, se non si tratta l’iperglicemia e se si tengono scorretti stili di vita.

giovanniberetta_Diabete

Un recente lavoro, pubblicato da alcuni ricercatori del Dipartimento di Urologia dell’Università di Washington, School of Medicine di Seattle, confermerebbe come la presenza di un diabete mellito sia un importante fattore di rischio nell’avere nel tempo un severo disturbo dell’erezione; lo studio in questione ha voluto pure analizzare se questi deficit dell’erezione, in presenza di una importante iperglicemia, necessitano eventualmente di terapie più “aggressive”, cioè di secondo o terzo livello come le iniezioni intracavernose di farmaci vasoattivi oppure il ricorso all’inserimento di una protesi nei corpi cavernosi.

Dal gennaio del 2002 al dicembre del 2006 sono stai studiati 136.306 uomini con un disturbo erettivo, tra questi 19.236 maschi erano diabetici prima di arrivare alla diagnosi del loro disturbo sessuale.

Studiando, in prospettiva, questa sottoclasse particolare di uomini si è visto che, dopo due anni di osservazione, più della metà arrivava a dover usare una strategia terapeutica di secondo livello, cioè le iniezioni intracavernose di prostaglandinaE1 o altri farmaci vasoattivi, e le probabilità di arrivare a dare una indicazione chirurgica verso una protesi peniena era di due volte superiore rispetto ai maschi senza diabete.

giovanniberetta_simboli_andrologici

Queste informazioni su una larga popolazione con una tale patologia specifica ci dice che uomini che hanno iperglicemie importanti rispondono meno bene alle terapie orali, hanno un peggioramento più rapido della propria risposta sessuale e spesso richiedono indicazioni terapeutiche più “aggressive”; quindi tutti attenti a non favorire con la dieta o abitudini e comportamenti non corretti l’insorgenza di un diabete mellito.

 

Fontehttps://0-www.ncbi.nlm.nih.gov.elis.tmu.edu.tw/pubmed/24352244

Altre informazioni:

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

2 commenti

#1

talchè poi la Società Americana di Andrologia riconosce per diabete compensato parametri estremamente restritti:
glicemia digiuno <110
Glicosuria assente
Emoglobina glicata inferiore a 6.
QWuanti dei nostri pazient diabetici possono vantare un simile compenso glicemicop?

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche impotenza 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Contenuti correlati