Testosterone, LUTS e deficit dell’erezione

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 18 luglio 2018

Testosterone, sintomi a carico del basso tratto urinario (LUTS) e disturbi dell’erezione, queste tre situazioni e correlazioni cliniche sono state valutate o meglio rivalutate da una ricerca condotta da alcuni ricercatori turchi del Dipartimento di Urologia dell’Ospedale di Izmir e del Dipartimento di Urologia dell’Università Basken di Adana.

In particolare questo studio, costituito da un trial randomizzato, prospettico e controllato con placebo, è stato indirizzato a valutare gli effetti di una possibile terapia con l’uso di testosterone, somministrato per via transdermica.

           

A questo proposito sono stati selezionati sessantadue maschi con LUTS e disturbi all’erezione, valutati con l’Ageing Male Symptom Questionnaire (AMS-Q), un dosaggio del testosterone nel sangue che era sempre al di sotto di 350 ng/dl, un’uroflussimetria registrata, l’International Prostate Symptom Scale per valutare la severità dei LUTS e l’International Index of Erectile Function (IIEF) per valutare il grado del disturbo dell’erezione.

 

                 

 

Fatto questo, a random, cioè a caso, i maschi venivano divisi in due gruppi di 31 uomini; al primo veniva somministrata una dose quotidiana transdermica di 50 mg di testosterone mentre per il secondo gruppo veniva utilizzato un prodotto simile ma senza l’ormone, cioè un placebo; questa strategia terapeutica era così prolungata fino a tre mesi.

Al primo e al terzo mese sono stati ripetuti i controlli e le interviste fatti all’inizio quando si erano selezionati i nostri pazienti.

 

      

 

In estrema sintesi si è visto che per i maschi del gruppo, che avevano ricevuto il testosterone transdermico, erano migliorati i punteggi e gl’indici dell‘AMS-Q, dell’IIEF (Indice Internazionale della Funzione Erettile) ed anche i parametri uroflussometrici rispetto al gruppo di maschi, che non aveva ricevuto il testosterone transdermico, mentre vi è stato un miglioramento solo di poco significativo tra i due gruppi per quanto riguardava l’International Prostate Symptom Scale; detto questo si può comunque affermare e confermare che, in presenza di queste situazioni cliniche uro-andrologiche complesse, potrebbe essere utile, in assenza di altre patologie specifiche e generali, provare a indicare una terapia a base di testosterone.

 

Fonte:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29463970

Altre informazioni:

https://www.medicitalia.it/news/andrologia/6830-il-testosterone-migliora-la-vita-sessuale-nella-terza-eta.html

https://www.medicitalia.it/news/urologia/7166-testosterone-potrebbe-essere-utile-anche-nelle-incontinenze-femminili.html

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

2 commenti

#1
Dr. Pierluigi Izzo
Dr. Pierluigi Izzo

Articolo chiaro,conciso ed utile anche per i non addetti ai lavori.

#2
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Caro Pierluigi,
sempre apprezzate ed incoraggianti le tue positive considerazioni sulle mie news.
Sempre un caro saluto.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche testosterone 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati