Criptorchidismo e fertilità: scoperti nuovi geni localizzati nel cromosoma Y

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 26 settembre 2019Ultimo aggiornamento: 30 settembre 2019

I testicoli non scesi (criptorchidi) in pazienti con pubertà difettosa e bassi livelli di testosterone contengono gonociti che non riescono a differenziarsi normalmente, il che compromette il normale lo sviluppo dello spermatozoo e alla fine porta alla sterilità dell'adulto.

Il trattamento con l'agonista dell'ormone rilasciante la gonadotropina GnRHa aumenta l'ormone luteinizzante e il testosterone e salva la fertilità nella maggior parte dei testicoli criptorchidici patologici.

Diversi geni cromosomici Y nella regione Y specifica maschile (MSY) sono essenziali per la spermatogenesi, lo sviluppo e la funzione del testicolo e sono associati con azoospermia, infertilità e criptorchidismo.

In questo studio, i colleghi hanno analizzato l'espressione dei geni MSY nei testicoli con spermatogonia Ad (pazienti a basso rischio di infertilità) rispetto ai testicoli privi di spermatogonia Ad (alto rischio di infertilità) prima e dopo il trattamento curativo del GnRHa e in correlazione con la loro posizione sulla Y-cromosoma.

 

Risultati

Venti geni che sono regolati verso l'alto o verso il basso nel gruppo Ad sono rispettivamente nella regione X-degenerata o ampliconica.

Il trattamento con GnRHa aumenta i livelli di mRNA di 14 geni nella regione ampliconica e diminuisce i livelli di mRNA di 10 geni nella regione X-degenerata.

 

Conclusione

Le scoperte implicano geni Y cromosomici, tra cui USP9Y, UTY, TXLNGY, RBMY1B, RBMY1E, RBMY1J e TSPY4, alcuni dei quali sono noti per la spermatogenesi, importanti nel trattamento ormonale curativo dell'infertilità indotta da criptorchidismo.

 

Fonte:

https://bacandrology.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12610-019-0089-3

 

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

2 commenti

#1
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Caro Andrea,

nuova segnalazione la tua sul cromosoma Y molto interessante che si aggiunge ad altre osservazioni già note dell’importanza dei geni situati su questo piccolo cromosoma, tutto maschile, ma determinate per la fertilità dei nostri uomini.
A questo proposito su questo argomento ti allego anche questo mio minforma che potrebbe risultare utile ai nostri lettori per meglio capire cosa fa il cromosoma Y:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/2493-cromosoma-y-ed-infertilita-maschile.html

Ancora un caro saluto.

#2
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello

Grazie Giovanni per il tuo commento, la tua esperienza nel campo è ormai nota a tutti e penso che sia indispensabile o per lo meno molto utile per tutti leggere il link che proponi....un caro saluto e buon lavoro

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche infertilita maschile 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati