x

x

Salute maschile

Salute maschile: quali controlli fare?

Dr. Andrea Militello Data pubblicazione: 23 novembre 2022

La prevenzione delle malattie che possono colpire l'apparato genitale maschile dovrebbe iniziare fin da piccoli: vediamo quali sono le principali patologie che possono colpire l'uomo nelle varie fasi della vita e quali controlli eseguire come misura di prevenzione della salute maschile.

A quale età fare la visita andrologica?

Sarebbe opportuno effettuare la prima visita andrologica intorno ai 14-15 anni, quando il ragazzo non viene più seguito dal pediatra. In questo percorso di avvicinamento allo specialista è importante che ci sia anche il supporto dei genitori: il primo approccio con l'andrologo può avere anche solo un valore conoscitivo per instaurare un rapporto amichevole che aiuterà poi in futuro, togliendo all’adulto l’eccessiva pudicizia e timore di rivolgersi allo specialista dell’apparato uro-genitale.

Ogni quanto fare il controllo dall'andrologo?

Se possibile, è buona cosa ripetere la visita ogni due anni, per poi arrivare all’età adulta quando inizierà a essere importante anche la visita urologica.

Per approfondire:La salute maschile in età pediatrica e in pubertà

Salute maschile: le malattie più diffuse

Prevenzione in età giovanile

Le patologie più frequenti che può manifestare un giovane e che possono essere rilevate grazie ai controlli dallo specialista urologo e andrologo sono:

  • il varicocele, una patologia molto frequente nel giovane che si manifesta con una dilatazione delle vie spermatiche, le vene che portano via il sangue dal testicolo verso gli altri organi centrali;
  • la fimosi e il frenulo corto, piccole patologie del pene e dell’apparato genitale che possono, però, portare dei problemi poi in futuro, quando iniziano le prime esperienze sessuali: è importante quindi che vengano intercettate prima dell’inizio dell’attività sessuale;
  • l’assenza di testicolo o criptorchidismo;
  • il tumore al testicolo, una forma di cancro che si manifesta già in età giovane (20-40 anni) e per la quale si raccomanda di eseguire, fin da giovani, l'autopalpazione dei testicoli per imparare a riconoscere eventuali anomalie.

Per approfondire:Come fare l'autopalpazione dei testicoli?

Prevenzione in età adulta

Andando avanti con l'età, nell'uomo adulto potrebbe manifestarsi anche il problema dell’infertilità, che va analizzata con uno studio più tecnico che prevede esami ecografici specifici e lo spermiogramma.

Dai 45-50 anni diventa fondamentale la prevenzione urologica basata principalmente sull'esplorazione rettale e sulla valutazione della ghiandola prostatica: con l'avanzare dell'età, infatti, aumenta il rischio della malattie che possono colpire la prostata, come l’ipertrofia prostatica e il tumore della prostata.

Se vi sono stati dei casi di carcinoma prostatico in famiglia, allora sarebbe opportuno anticipare la visita urologica a partire dai 40-45 anni: il tumore alla prostata, infatti, è una malattia definita socio genetica, ossia con un corredo genetico che si può ereditare, ma anche dovuta a fattori ambientali che possono favorire o meno l’attivazione di alcuni geni.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Medicitalia.it (@medicitalia.it)

Come valutare la salute della prostata?

Prima di effettuare la visita urologica si consiglia di eseguire l’esame del PSA (antigene prostatico specifico), un vecchio marcatore tumorale che rimane ancora oggi un ottimo valore indicativo della salute prostatica. Prima di eseguire l'esame è importante osservare un periodo di 72 ore di astinenza dall'attività sessuale (compreso l’autoerotismo): questo, infatti, aumenta il valore del PSA e potrebbe alterare il percorso diagnostico.

Nei casi dubbi sui numeri del PSA o della visita dell’urologo, si può procedere alla risonanza magnetica multi parametrica della prostata, che si svolge con una bobina sovra pubica e senza invasioni endorettali. Si tratta di un esame da concordare con lo specialista e da non svolgere spontaneamente come prassi autodiagnostica.  

Per approfondire:Quali sono le malattie della prostata?

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche prostata 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati