infarto

L'intervento di bypass aorto coronarico

Dr. Giuseppe SpezialeData pubblicazione: 04 marzo 2013Ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2021

L'intervento di bypass aorto coronarico ha lo scopo di bypassare i restringimenti (stenosi), ossia le occlusioni conseguenza dell'aterosclerosi, delle arterie coronariche, che sono i vasi deputati a mantenere un costante apporto sanguigno al muscolo cardiaco, indispensabile al mantenimento di una attività cardiaca efficace.

Innesto vena safena o arteria mammaria

Il ridotto apporto di ossigeno e nutrienti al muscolo cardiaco può causare eventi cardiovascolari gravi che pssono essere:

  • transitori, quali l’angina pectoris
  • irreversibili per ostruzione coronarica prolungata, quali l’infarto.

In cosa consiste l'intervento di bypass coronarico?

La tecnica del bypass cardiaco consiste il più delle volte in un'incisione longitudinale al centro della parete anteriore del torace attraverso lo sterno (sternotomia mediana).

Il paziente viene collegato con delle cannule al circuito per la circolazione extracorporea, il sangue venoso viene drenato, ossigenato e ripompato nell'aorta: questo circuito mantiene in vita il paziente.

Il bypass aorto-coronarico consente di scavalcare il restringimento del vaso coronarico inserendo un condotto vascolare a monte e a valle del punto ristretto tale da ripristinare un buon flusso a valle della stenosi. I condotti usati per l’innesto sono sia segmenti di vena prelevati dalla gamba dello stesso paziente (non soggetti quindi a rigetto), che un'arteria, la mammaria interna, la quale decorre all'interno del torace.

L'estremità prossimale della vena safena viene suturata a un tratto dell’aorta in modo tale che il sangue da essa, attraverso la vena, raggiunga l'arteria coronarica sede dell’ostruzione. Nel caso in cui si utilizzi l'arteria mammaria non vi è necessità di collegarla prossimalmente, originando la stessa fisiologicamente da un sistema arterioso (all'arteria succlavia).

Il bypass cardiaco è rischioso?

In generale, la mortalità dell'intervento di bypass aorto-coronarico è di circa 1% in elezione, notevolmente inferiore al rischio di infarto miocardico a cui andrebbero incontro i pazienti non candidati all'operazione, con una degenza media il più delle volte di 7-8 giorni.

La chirurgia del bypass al cuore è divenuta ormai una tecnica di routine con indicazioni precise e razionali.


Autore

g.speziale
Dr. Giuseppe Speziale Cardiochirurgo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1992 presso Università Cattolica di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Reggio-Calabria tesserino n° 4354.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche infarto 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Cardiochirurgia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Altro su "Infarto"