Confermati i benefici di tutti i contraccettivi orali combinati

Dr. Nicola BlasiData pubblicazione: 28 ottobre 2013

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

Il Pharmacovigilance Risk Assessment Committee (PRAC) ha rivalutato il rischio di tromboembolismo venoso (TEV) associato all'uso dei contraccettivi orali combinati (COC) .

Il PRAC con una lettera dell' EMA (European Medicines Agency) datata 11 ottobre 2013 ha concluso che i benefici  dei COC nel prevenire gravidanze indesiderate continuano a superare i loro rischi.

Questa rivalutazione dell'EMA ha confermato che il rischio di TEV (presenza di coaguli di sangue nelle vene o tromboembolismo venoso)   associato all'uso di tutti i contraccettivi orali combinati è BASSO e ha dimostrato che esistono piccole differenze  tra i COC, a seconda del tipo di progestinico che contengono.

Nella prescrizione dei COC va valutato regolarmente il rischio individuale di cascuna donna di presentare coaguli di sangue.

I fattori di rischio da prendere in considerazione sono: fumo, sovrappeso, emicranie, storia familiare di TEV , parto avvenuto da poche settimane.

Il risultato di queste rivalutazioni dovrebbe essere quello di garantire medici e pazienti che la scelta che si accingono a fare non comporterà inconvenienti pericolosi e avrà quindi un rapporto costi/beneficipiù che accettabile.

Quando si parla di rischi riferiti all'uso dei contraccettivi ormonali, faccio notare che negli Stati Uniti il rischio di mortalità delle donne che hanno meno di 35 anni e assumono contraccettivi è significativamente più basso del rischio di mortalità per incidenti automobilistici.

Il rapporto tra il medico e la donna che richiede un metodo contraccettivo sicuro è sicuramente particolare: in questo caso non si tratta di persone sofferenti e ammalate che richiedono una terapia, ma di persone in buone condizioni di salute che vogliono vivere con tranquillità la loro sessualità.

 

Fonte: PRAC confirms that benefits of all combined hormonal contraceptives (CHCs) continue to outweigh risks 

Autore

blasinicola
Dr. Nicola Blasi Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976 presso Università di BARI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 4485.

3 commenti

#1
Ex utente
Ex utente

sito davvero utile a cui sono molto grata ed affezionata anche se speso sono lenti a rispondere

#3
Utente 138XXX
Utente 138XXX

Interessante articolo. Ho problemi di iperomocisteina e mutazione mthfr, stavo valutando cerazette ma con poca fiducia. Se questo articolo è attendibile significa che potrò tranquillamente tornare alla cara vecchia loette :) questo sito è veramente ben curato! Si possono trovare davvero molte risorse utili!
Grande staff!

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche anticoncezionali 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Ginecologia e ostetricia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati