coronavirus

Plaquenil, COVID19 e maculopatia

Dr. Massimo NicolòData pubblicazione: 30 marzo 2020

Per quanto riguarda l'utlizzo del Plaquenil nel trattamento preventivo/profilattico del COVID-19 (Coronavirus), si valuta la possibile tossicità sulla retina.

Alla luce di quanto sappiamo sulla tossicità del Plaquenil, in considerazione del dosaggio e del tempo di somministrazione così breve è ragionevole escludere che si possa determinare un effetto tossico sulla retina anche in soggetti con maculopatia.

Maculopatia

 

Solo in questi casi e anche sulla base delle motivazioni che spiego di seguito la visita oculistica preventiva può non essere eseguita.

Cosa sappiamo sul Plaquenil e in quali malattie è indicato?

L’idrossiclorochina (Plaquenil) è un farmaco attualmente indicato nel trattamento di due patologie autoimmuni: artrite reumatoide e lupus eritematoso sistemico.
In questi soggetti il dosaggio è solitamente 200 mg al giorno per periodi molto lunghi di tempo.

Un potenziale, sebbene molto poco frequente, effetto indesiderato del Plaquenil è nei confronti della retina. Sappiamo che questo farmaco può accumularsi all’interno delle cellule retiniche e dare col tempo un effetto tossico che porta allo sviluppo di una caratteristica forma di maculopatia a occhio di bue che difficilmente risulta reversibile.

Per fortuna questo effetto avviene in un arco di tempo molto lungo ed è possibile individuare precocemente i primi segni di tossicità. Il rischio di tossicità è a 5 anni pari all’1%, a 10 anni il 2% mentre dopo 20 anni aumenta al 20%.

Visita oculistica

È questo il motivo per cui prima o al più tardi entro 6-12 mesi dall’inizio del trattamento con Plaquenil è utile eseguire una visita oculistica completa associata all’esame del campo visivo e se possibile anche l’OCT della macula e delle fibre nervose e la fotografia del fondo oculare in autofluorescenza.

Dopo di che il controllo successivo viene fatto dopo 5 anni e poi a cadenza annuale.
Tuttavia se esistono dei fattori di rischio quali patologie renali, maculopatie pregresse o un dosaggio superiore a 200 mg/die allora i controlli devono essere fatti sin dall’inizio a cadenza annuale.

 

Da https://www.facebook.com/mnicoloretinologo/


Autore

massimonicolo
Dr. Massimo Nicolò Oculista

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1994 presso Università di Genova.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Genova tesserino n° 13216.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche coronavirus 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Oculistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Altro su "Covid-19"