Sesso mercenario: dalle case chiuse alle “zone rosse” per la prostituzione

Dr.ssa Valeria RandoneData pubblicazione: 29 settembre 2014Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2017

Dopo lo scandalo delle baby-squillo, un’ulteriore triste scoperta tinge di rosso le pagine dei giornali.
E’ stato recentemente trovato nella capitale un appartamento, nel quale vivevano una decina di ragazzine in attesa di potenti ali clienti: le minorenni venivano prelevate per consumare i loro rapporti in macchina durante le ore notturne e diurne.
Gli inquirenti stanno ora cercando il “protettore-pusher” delle minorenni e non escludono che la casa faccia parte di una rete ben più ampia di abitazioni disseminate in tutta la provincia di Roma.

 Leggendo ancora i giornali, si possono scorgere strategie di tutti i tipi e di tutti i colori, per arginare il dilagante fenomeno del “sex worker”, il mestiere più antico del mondo.
A Roma- per esempio- il sindaco ha dato via al “Progetto Michela”.
Zone libere e zone controllate per la prostituzione, zone lecite ed altre illegali, zone prostituzione-free ed altre adibite al commercio sessuale. Seguono controlli, maxi-multe e più sicurezza nelle altre strade del quartiere. Proprio in questi giorni infatti prende il via questo audace progetto per la sperimentazione dello “zoning” – un atipico piano regolatore del sesso mercenario -che mira a contrastare il fenomeno della prostituzione attraverso l'istituzione di “isole”, in cui l'esercizio della prostituzione è tollerato e monitorato.

Qualche nota clinica

Messo al rogo dalla chiesa e dal perbenismo, solitario, furtivo, trasgressivo, atavico, consentito, vietato, immorale, ludico ed addirittura utile: il sesso mercenario.
Anticamente i ragazzi che avevano compiuto la maggiore età e che non avevano ancora consumato e vissuto le gioie dell'amore, venivano accompagnati -addirittura dai loro padri- da una professionista del sesso per transitare alla vita adulta, con modalità adeguate, indolore e soprattutto esperienti.

Ancora oggi molti ragazzi "ritardatari" nella vita amorosa, credono che pagando una escort- termine più soft ed elegante rispetto a "prostituta", una sorta di specialistica post-lauream - possano sanare le loro lacune e defezioni psico/sessuali ed estendere poi l'apprendimento ad altri talami e relazioni.

https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/2671-sono-vergine-ed-inesperto-vado-con-una-escort.html

La prostituzione sembra essere uno dei pochi mestieri che non risente della crisi economica.

Attraversa latitudini e longitudini, viene legalizzata o vietata, ma il giro d'affari è veramente importante e soprattutto crescente ed ingravescente.

La rete con le sue seduzioni ed immediatezza, facilita le domande e le offerte mediante le più svariate inserzioni/richieste e garantisce un'adeguata dimensione di riservatezza.
Se nell'epoca pre-digitale il cliente doveva recarsi presso la casa della prostituta e prendere accordi su tempo, prestazioni e costi, oggi può farlo tranquillamente dal divano di casa, scegliendo addirittura le caratteristiche sessuali che più gli aggradano.

Gli uomini che pagano per il piacere del sesso appartengono a tutti i ceti sociali ed economici: uomini comuni e uomini politici, ricchi e disoccupati, padri di famiglia, fidanzati e single, eterosessuali ed omosessuali, giovani ed anziani.
Sembra infatti che il mestiere più antico del mondo venga regolamentato da meccanismi complessi, che vanno ben oltre la sessualità in se.

Uomini benestanti, belli e colti -per esempio- che motivo avrebbero di pagare una donna? Potrebbero corteggiarla, conquistarla o vivere la facile avventura di una notte senza complicanze emozionali postume.
Ed invece?

Il sottile piacere del pagamento e del "possesso a termine", scevro da sentimento, affettività e soprattutto relazionalità, apre uno scenario di grande fascinazione.

In un momento storico di assenza di proibizioni, di sesso online, di eros e chat, di tutto e subito e di una sessualità spesso ginnica, vissuta in modo avulso dalla relazione, quali motivazioni spingono gli uomini - di tutti i generi e ceti- a pagare in cambio di favori sessuali?

Il rapporto con il potere, denaro, la dominazione ed il possesso, credo siano i cardini sui quali riflettere e sui quali noi clinici dobbiamo orientare la nostra disamina, al fine di andare oltre il gossip scandalistico del momento.

 

Qualche dato

I dati più attuali ed attendibili sulla prostituzione in Italia sono quelli del Parsec, una società che ha condotto indagini per la Comunità Europea, l’ONU e il Governo Italiano, sulla spinosa questione “sesso a pagamento”.
Prima del disegno di legge Carfagna-Maroni (2008), le prostitute stavano in strada ed era molto più semplice sia lo studio che la raccolta dati sulla loro attività e qualità di vita.
In un secondo momento, le “sex worker di strada” si sono trasferite - quindi nascoste- negli appartamenti privati. l Parsec stima la presenza di un minimo di 17.000 ad un massimo di 25.000 sex workers straniere in strada, mentre il numero di prostitute straniere che lavorano al chiuso va da 12.000 a 15.500. Per ogni 1000 prostitute in strada ce ne sono circa altre 680 al chiuso. Le minorenni sarebbero il 7%, ma questo dato tende ad aumentare con modalità preoccupanti.
Il totale delle sex workers straniere in Italia va quindi da 30.000 a 38.000, mentre le italiane si aggirano tra le 7000 e le 8000 su tutto il territorio nazionale,

 

Qualche nota sul cliente tipo

Da svariati studi di psico/sessuologia sulla prostituzione emerge una “necessità comune” del cliente tipo che va a pagamento: il bisogno di sentirsi potente sessualmente e di vivere attenzioni e gratificazioni sessuali, forse smarrite o mai sperimentate.
Mentre in passato l'uomo era più concentrato sul proprio piacere e sulla propria performance sessuale - oggi anche a seguito delle importanti modifiche epocali e della rivoluzione sessuale- si sente gratificato e soddisfatto se la prostituta raggiunge (fingendo) orgasmi intensi e perché no, multipli, immagino inclusi nel prezzo.

Esercizio di potere e di bravura orizzontale, un connubio perfetto!

 In molti paesi della comunità europea, si sono alternate proposte di legge, leggi, strategie - spesso vane- per arginare il dilagante fenomeno, fino ad arrivare alla Francia ed alla recente legge neo-proibizionista, che sposta il Focus della legge dalle prostitute al cliente.

La legge parte proprio dai clienti per sradicare il crescente mercato del sesso.

Il mercato che coinvolge poi le minorenni obbliga a riflessioni etiche e morali su cui noi clinici siamo chiamati a riflettere.

 

Ancora qualche riflessione

Immaginare di debellare un fenomeno storico come la prostituzione penso sia arduo, se non impossibile; le sue radici sono ben salde e strettamente legate al funzionamento psico/sessuale dei generi.

Regolamentare il fenomeno con leggi -perché no- tasse e norme igieniche, in modo da far si che venga vissuto tra adulti (si spera) sani e consenzienti, potrebbe essere una valida strategia, al fine di proteggere le vittime della prostituzione ed arginare il preoccupante dilagare delle MST. 

Autore

valeriarandone
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo

Laureata in Psicologia nel 1992 presso La Sapienza-Roma.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia tesserino n° 1048.

2 commenti

#2
Utente 591XXX
Utente 591XXX

Salve Dottoressa Randone. Bello questo suo articolo/news. Per cercare di ridurre un fenomeno storico come la prostituzione, bisognerebbe agire su quel "bisogno di sentirsi potente sessualmente e di vivere attenzioni e gratificazioni sessuali, forse smarrite o mai sperimentate", come dice lei. Per cercare di ridurre questo bisogno che è emerso nelle ricerche fatte in psicosessuologia, bisogna agire, cercando di modificarlo, su quel "funzionamento psicosessuale dei generi", a cui lei fa riferimento. E il raggiungimento di questo scopo non è certamente compito degli psicologi sessuologi, che bisogna ringraziare perché svolgono una funzione terapeutica, ma è compito dell'intera società educante, compresa ovviamente in primis l'educazione che i figli debbono ricevere dai genitori, e poi il tipo/qualità di istruzione che dà la scuola. E quindi, forse, ritornare un po' più a quel perbenismo (da parte di tutta la società) a cui lei accennava sopra, inteso come spinta moralizzatrice della società, potrebbe non essere un rimedio molto sbagliato. Soprattutto in un momento storico come questo, dove la questione dell'educazione dei ragazzi è lasciata un po' in secondo piano (da genitori e scuola), lasciandoli soli davanti ad Internet, alla televisione, ai videogiochi, ecc ecc, cioè facendoli nutrire di quei modelli, e facendo così crescere il fenomeno della maleducazione generalizzata dei giovani e quindi la maleducazione della popolazione attuale ma soprattutto di quella futura. A tal proposito, vogliamo parlare, per esempio, del caso, finito sui giornali, di quei tre giovani italiani che durante la scorsa estate sono andati in giro completamente nudi, senza alcuna veergogna, in una cittadina spagnola durante la loro vacanza? Oppure di quei giovani che, proprio sabato scorso, si sono radunati per "festeggiare" ubriachi davanti alla cattedrale di Santa Maria Novella a Firenze, e che poi in molti di loro hanno orinato sui muri della cattedrale? Mah........che roba!

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche prostituzione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati