The Google University: ricerche online e falso senso di conoscenza

Dr. Giuseppe SantonocitoData pubblicazione: 11 aprile 2015

Nell’ultimo decennio la maggior parte di noi è stata coinvolta in una sorta di studio psicosociale dalle enormi proporzioni. Internet e social network hanno cambiato per sempre il modo in cui accediamo e comunichiamo le informazioni. Infatti, il percorso tradizionale di distribuzione dell’informazione e formazione delle opinioni, dall’alto verso il basso, si sta sgretolando e sta lasciando il posto a un nuovo sistema, gratuito, che va dal basso verso l’alto.

Quale film scegliete? Le conseguenze dovute a questo cambiamento, desiderate e indesiderate, devono ancora essere valutate in tutta la loro portata. Tuttavia, uno degli effetti già evidenti è che molte persone credono di avere competenze che in realtà non posseggono, solo perché possono fare ricerche online. La democratizzazione della distribuzione dell’informazione ha portato a un falso senso di democratizzazione e competenza.

Pur essendo l’accesso all’informazione un’ottima cosa, non esiste alcun modo per insegnare al vasto pubblico come usare le informazioni in modo ottimale evitando le insidie più comuni. Spesso le scuole sono inadeguate nell’insegnare agli studenti come profittare al massimo delle informazioni reperite online e la maggioranza degli adulti avevano già concluso il proprio periodo di formazione scolastica/universitaria prima dell’arrivo di internet.


Playmate e vaccini

Il risultato di tutto questo è il cosiddetto “effetto Jenny McCarthy”, dal nome dell’attrice americana convinta che la propria opinione da non esperta sia in grado di rimpiazzare il consenso degli esperti sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini, perché lei “ha fatto le sue ricerche”. Si tratta di un esempio evidente di come cercare online possa conferire un falso senso di fiducia nelle opinioni non scientifiche, e che mostra quanto studiare alla “Università di Google” possa rivelarsi fuorviante.

Le insidie in gioco sono molteplici. La prima è evidenziata da una nuova serie di esperimenti (inglese) condotti da Matthew Fisher, studente di psicologia alla Yale University, che ha indagato specificamente sull’effetto della ricerca online sul senso di fiducia nelle proprie conoscenze. Ovviamente, cercare attivamente informazioni su un certo argomento, di per sé amplifica la fiducia che abbiamo nel conoscerlo. Fisher, perciò, ha cercato di controllare l’effetto di quante più variabili possibili per scovare un qualche effetto che fosse indipendente dal semplice atto del ricercare.

È emerso che le persone sviluppavano una fiducia maggiore nelle proprie conoscenze quando dovevano cercare per trovare dati sull’argomento, rispetto all’esservi portati direttamente dagli sperimentatori, anche quando sull’argomento non esistevano informazioni rilevanti online, quando le ricerche venivano falsate dagli sperimentatori, filtrando via le informazioni rilevanti e persino quando leggevano le stesse informazioni online piuttosto che su carta stampata.

In altre parole: anche quando le reali informazioni venivano tolte di mezzo dai ricercatori, l’atto stesso del cercare online ha dato alle persone un maggior senso di fiducia nella loro conoscenza degli argomenti.

Si tratta di esperimenti complessi e ci sarà pertanto bisogno di repliche affinché, scientificamente, possano essere considerati affidabili. Tuttavia, essi non fanno altro che confermare un dato già tangibile agli esperti: avere accesso a una massa enorme di informazioni può dare l’illusione di padroneggiarla.


Liste di sintomi e autodiagnosi

Dal punto di vista dello psicoterapeuta il fenomeno è ben evidenziato dalla gran quantità di persone che ci contatta, convinta di essersi diagnosticata da sola delle psicopatologie semplicemente leggendo liste di sintomi liberamente reperibili su Google.

Come quando si fa la spesa: “Questo ce l’ho, questo ce l’ho... anche questo... questo no, ma non importa... Hah! Ecco qua: ho un bel disturbo di personalità dipendente!”

Ci sono però vari problemi in questo approccio.

Il primo è illustrato sopra: il solo atto di cercare su internet fa sentire esperti.

Il secondo, specifico della psichiatria e della psicologia clinica, è che la diagnosi psicopatologica è un atto complesso, che non di rado trova discordi gli stessi clinici. Si prenda ad esempio la diatriba fra disturbo bipolare versus disturbo di personalità borderline e quadri affini. Si considerino le varie edizioni del DSM, il manuale diagnostico dei disturbi mentali, che a ogni nuova uscita ribalta e stravolge classificazioni e criteri dati per consolidati nella release precedente. Oppure, restando fra i disturbi sulla cui definizione e classificazione esiste maggior consenso, si tenga conto che uno stesso paziente può essere definito semplicemente ansioso in una diagnosi, affetto da ansia generalizzata in un’altra, ossessivo-fobico o fobico-ossessivo in altre ancora. Si consideri, inoltre, che le diagnosi psicopatologiche sono spesso quadri in evoluzione, ossia cambiano nel tempo.

In poche parole: la diagnosi può essere difficile da mettere a punto per il clinico, figuriamoci per il non addetto ai lavori. Le liste di sintomi sono solo linee-guida generali, che vanno interpretate e calzate alla realtà del singolo. Oltretutto, recentemente se ne sta persino mettendo in discussione l’utilità, proponendo di sostituirle con dati rilevati non dal comportamento e dai resoconti soggettivi, ma unicamente da esami “oggettivi”, ad esempio di imaging cerebrale.


Io la so più lunga di voi

Come illustravo in questo recente articolo, gli psicologi parlano di confirmation bias (tendenza alla conferma) quando è in gioco la tendenza - insita in ognuno di noi - a credere in ciò che già si crede piuttosto che alle nuove informazioni di senso contrario. Fenomeno che, nel caso in analisi, si manifesta all’ennesima potenza.

Avendo la possibilità di scandagliare molte informazioni, aumenta la probabilità che la persona, senza rendersene conto, dia più rilevanza a quelle che confermano ciò in cui già crede. È solo questione di tempo e pazienza. Cercando a sufficienza si possono trovare conferme a tutto ciò che si vuole.

La tendenza alla conferma è pericolosa perché crea l’illusione che quello che crediamo si basi su dati oggettivi. Ciò perché siamo inconsapevoli del grado in cui noi stessi filtriamo e distorciamo i dati con cui veniamo a contatto.

In sintesi: internet è un meccanismo eccezionale di conferma delle proprie convinzioni.

La versione più estrema e amplificata di tale fenomeno è costituita dalle casse di risonanza mediatiche dove il filtraggio dell’informazione è formalizzato, ad esempio nelle comunità online. Solo un punto di vista è espresso e solo le informazioni che lo supportano vengono condivise, rimuovendo o contraddicendo frontalmente le restanti.

Si tratta, notare bene, di un effetto generalizzato. È altrettanto vero per le comunità scientifiche e per quelle pseudo-tali. Tuttavia, il ragionamento scientifico possiede al suo interno un meccanismo di autocorrezione tale per cui quando una teoria riesce davvero a render conto di ciò che accade, presto o tardi soppianterà le precedenti teorie meno utili. Come sempre, il tempo è galantuomo.


Conoscenza o competenza?

Un altro problema è la potenziale confusione fra conoscenza e competenza. Chi ne è affetto può essere molto intelligente e possedere vaste conoscenze, ma usandole in modo improprio giunge a conclusioni assurde, in cui crede ciecamente.

Questo avviene perché di solito gli pseudoesperti non si confrontano nel dovuto modo con il resto della comunità, in special modo nelle aree più tecnicamente complesse. Ma il confronto con l’esterno è fondamentale, perché è difficile per il singolo poter osservare un argomento complesso da tutti i possibili punti di vista.

In sintesi: la differenza fra il vero esperto e il sedicente tale è che il primo è disponibile al confronto, il secondo no. Il falso esperto non riesce ad apprezzare il divario esistente fra i suoi studi da Google University e la profondità di comprensione che caratterizza il vero esperto.


Conclusione

Internet sta creando eserciti di pseudoesperti convinti. Ci sono però alcune contromisure che è possibile adottare, come individui:

  • Siate umili. Non crediate che un poco di conoscenza sia sufficiente, rispettate le opinioni dei veri esperti. Non c’è bisogno di crederle, solo che le prendiate seriamente.
  • Comprendete il vantaggio inerente al consenso di molti esperti rispetto all’opinione del singolo.
  • Quando fate ricerche online, cercate anche le informazioni che vanno contro al vostro punto di vista attuale. Cercate di capire ciò che dicono le varie parti e rimandate il giudizio finale a dopo che avrete ascoltato tutte le campane.
  • Rendetevi conto di come internet sia perfetta per alimentare il fenomeno di tendenza alla conferma. Lo stesso Google può distorcere involontariamente i risultati delle vostre indagini, dato che non esiste garanzia di veridicità o affidabilità su ciò che vi offre.
  • Comprendete che oltre al fenomeno involontario di tendenza alla conferma, su internet esistono fenomeni deliberati di tendenziosità organizzata, come le casse di risonanza e le propagande ideologiche spacciate per scientifiche.
  • E, come sempre, non esiste sostituto migliore allo scetticismo e al pensiero critico.

E infine ricordate: anche quando sono tutti d’accordo fra loro, persino gli esperti possono sbagliarsi.


Fonte:
Steven Novella. 2015. The Google University Effect. Neurologica blog online.

Autore

giuseppesantonocito
Dr. Giuseppe Santonocito Psicologo, Psicoterapeuta

Laureato in Psicologia nel 2005 presso Università di Firenze.
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Toscana tesserino n° 4612.

17 commenti

#3
Dr.ssa Franca Scapellato
Dr.ssa Franca Scapellato

Molto ben scritto, l'ho condiviso sui social. Anche la vignetta è ben scelta.

#7
Ex utente
Ex utente

Buon pomeriggio,
se posso da vignetta a vignetta

https://marketingretail.files.wordpress.com/2013/04/vignetta-1.jpg

:)


Einstein sosteneva: "La teoria è quando si sa tutto e niente funziona. La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perchè. In questo caso abbiamo messo insieme la teoria e la pratica: non c'è niente che funziona...e nessuno sa il perchè! "

forse la conoscenza necessaria per trasformare il sistema esistente in un sistema migliore dovrebbe avvenire dall'esterno del sistema in essere.

buona giornata

#8
Dr. Giuseppe Santonocito
Dr. Giuseppe Santonocito

Buongiorno,
Mi perdoni, ma non ho capito l'attinenza della vignetta con l'articolo.

Trasformare il sistema esistente in un sistema migliore dipende da ognuno di noi. Se vuoi cambiare il mondo, dicevano Socrate e altri saggi, cambia prima te stesso.

Solo che alcuni la prendono troppo alla lettera e diventano autarchici!

#9
Ex utente
Ex utente

non vuole essere una provocazione ,anzi ,ma credo che le persone vedono solo ciò che son pronte a vedere ...E' meno arduo salmodiare formule o sonnecchiare sui principi che cercare laboriosamente come sono fatte le cose e quale sia il metodo per servirsene.
Osservare è meno facile che ragionare. E' risaputo che: Scarse osservazioni e molti ragionamenti sono causa di errore.
Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità.

#10
Dr. Giuseppe Santonocito
Dr. Giuseppe Santonocito

Perfettamente d'accordo. E quindi?

Non sto prendendo le sue osservazioni come provocazione, anzi mi interessa capire il suo reale punto di vista.

#11
Ex utente
Ex utente

Grazie ,mi fa piacere ! Credo che il sapere rappresenti sempre la continuità tra una linea antica e una nuova ,quest'ultima risulta sempre più esile perchè
in ogni generazione questa consapevolezza viene mantenuta da una minoranza di individui.
Chi utilizza questo determinato contesto per prendere delle decisioni ,non avrà mai tutte le informazioni necessarie per risolvere un problema,perchè se così fosse non sarebbe più decisione ma conclusione di una propria "costante "di vita. Io prima di utilizzare il "quindi" mi affido sempre a 6 persone oneste :"cosa", "perché", "quando", "dove", "come" e "chi".

:)

#12
Dr. Giuseppe Santonocito
Dr. Giuseppe Santonocito

D'accordo in principio, ma posta così l'affermazione mi sembra un po' generalizzante.

È vero che alcune branche del sapere sono sempre più specialistiche ed esclusive quanto al numero di persone che possono padroneggiarle, ma d'altra parte non potrebbe essere altrimenti. Diversamente dovremmo essere tutti fisici atomici, tutti matematici, oppure tutti chef di alta cucina, tutti programmatori di computer, tutti artisti eccelsi. Non è necessario sapere tutto. Si può essere ignoranti, basta che non tutti ignoriamo le stesse cose.

Non è vero che per prendere decisioni importanti sia necessario sapere sempre più cose. Anzi, lo studio dei sistemi complessi ha mostrato che più un sistema è complesso, più esso si autoorganizza per basarsi su parametri e principi essenziali di funzionamento, in genere molto semplici e ridotti in numero.

È quello che avviene nel pensiero strategico: si cerca di ottenere tanto con poco, di identificare il problema chiave, quello da cui dipende la soluzione di tutti gli altri, senza analizzare minuziosamente tutte le alternative, tutte le opinioni, tutte le possibilità. Al contrario si cerca di eliminare, di semplificare.

Ma come ha detto qualcuno, semplificare può essere un atto molto complesso. Anche semplificare è un arte, che non tutti riescono a padroneggiare.

Riassumendo: avere tutte le informazioni di questo mondo non è sufficiente per prendere decisioni utili. Occorre che chi decide sappia SCARTARE innanzitutto tutto ciò che non serve e lasciare solo l'essenziale. Quasi impossibile da fare per alcuni, ma è questa la vera essenza del sapere. Del sapere-come, almeno.

#13
Ex utente
Ex utente

Sono perfettamente in accordo! La mia risposta è volutamente generalizzata perché questo è un ambiente che esige la genericità che poi a mio parere ,non coincide con risarvatezza ,anzi,ma questo è un altro discorso. Andando nel particolare ,e in modo molto semplice ,in queste poche battute ,lei ha dato le informazioni a me necessarie e lei nel contemplo ha risposto al suo "quindi":Occorre che chi decida sappia scartare...."
Qualcuno una volta disse che il dubbio è uno dei nomi dell'intelligenza-a questo punto credo che il mio punto forte come persona sia essere "ignorante"e far domande quando ho bisogno di sapere...quindi non smentendomi le chiedo :" meglio una decisione minuziosa o conclusione affrettata?"

#14
Ex utente
Ex utente

Pardon x l ortografia ma sono con un dispositivo mobile .

#15
Dr. Giuseppe Santonocito
Dr. Giuseppe Santonocito

Dipende! anche qui sarebbe improprio generalizzare.

In un'ottica pragmatico/strategica ciò che conta è soprattutto il risultato. Rispettando certamente le condizioni al contorno e l'ecologia della situazione.

Il dubbio è uno dei nomi dell'intelligenza, ma l'intelligenza è uno dei nomi dell'ossessività. Perciò, di nuovo, sarebbe generalizzante concludere che dubitare sia *sempre* una buona cosa. La vita è tutta una questione di equilibrio.

#16
Dr. Armando De Vincentiis
Dr. Armando De Vincentiis

ai tempi del coronavurs questo articolo sta evidenziando tutta la sua importanza!

#17
Dr. Giuseppe Santonocito
Dr. Giuseppe Santonocito

Eh già. Maggiore è il senso d'insicurezza, più si tende ad attaccarsi a tutto ciò che si trova.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche automedicazione 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa