Difficoltà a raggiungere ed a mantenere l'erezione

Gentilissimi Dottori,

sono molto preoccupato!
Da circa 2 mesi, dopo aver subito un'incisione endoscopica al collo vescicale per risolvere problemi di disuria legati ad un'ostruzione acquisita del collo vescicale, lamento un notevole calo della libido (pari quasi a zero) e soprattutto i problemi in oggetto.

Soltanto dopo una lunga stimolazione del pene con la bocca e con la lingua riesco a raggiungere l'erezione e non appena la raggiungo avviene l'eiaculazione, senza che io la possa controllare.
Può l'intervento endoscopico aver compromesso irrimediabilmente la mia vita sessuale? Se sì in che modo? Sono disperato! Aiutatemi, vi prego!!!
[#1]
Dr. Edoardo Pescatori Urologo, Andrologo 4,6k 107 13
Gentile lettore,
escluderei la responsabilità di una incisione del collo vescicale sui suoi disturbi sessuali, che peraltro vedo dai suoi precedenti post preesistenti all'ultimo atto endoscopico.
Le raccomanderei una visita specialistica andrologica.

Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottore,

il medico di famiglia mi ha prescritto, nell'attesa della visita andrologica, il Viagra....
Prima di procedere all'oneroso acquisto vorrei però saperne di più sulla reale efficacia e durata....
Ringrazio fin d'ora!
Cordialità.
[#3]
Dr. Edoardo Pescatori Urologo, Andrologo 4,6k 107 13
Rimane il mio suggerimento di una valutazione specialistica. Il nostro portale ha scelto come condotta (che condivido) di non entrare nei dettagli di specifiche terapie farmacologiche, alla luce dei limiti del web, sono cero capirà.
[#4]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
Caro lettore,

una incisione del collo vescicale non dovrebbe avere la possibilità di alterare la erezione ma potrebbe alterare la eiaculazione che potrebbe avvenire in maniera "retrograda"
penso che se lei, a 35 anni, aveva una sclerosi del collo vescicale, probabilmente avrà avuto delle infiammazioni prostatichee queste si potrebbero avere influenzae negative sulla sua vita sessuale
cerchi di affidarsi ad un andrologo che possa valutare accuratamente la sua situazione sessuale ed urinaria
cari saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#5]
dopo
Utente
Utente
Gentili Dottori,

dopo accurata visita specialistica andrologica, sul banco degli imputati è salito il Litio, che assumo come stabilizzatore dell'umore.
In effetti i disturbi della sfera sessuale risalgono circa al periodo in cui ho iniziato ad assumere il farmaco, ed il drastico peggioramento della situazione coincide con l'aumento del suo dosaggio.
Il Vs. collega mi ha dunque consigliato esami ematochimici per valutare la funzionalità renale e l'esame del testosterone.
Secondo la Vostra esperienza risulta plausibile una correlazione tra assunzione di Litio (in associazione con bdz) ed impotenza?
Grazie!
[#6]
dopo
Utente
Utente
Gentili Dottori,

nonostante la sospensione del Litio prescrittami dallo psichiatra l'impotentia erigendi persiste ed è divenuta anzi totale.
Ho provato anche con il Viagra 50 mg 1 cp a stomaco vuoto, come da prescrizione, ma niente da fare.

Il pene non reagisce più ad alcuno stimolo! Che fare??
Gradirei una risposta. Vi ringrazio fin d'ora!
[#7]
Dr. Edoardo Pescatori Urologo, Andrologo 4,6k 107 13
Valutazione specialistica andrologica
[#8]
dopo
Utente
Utente
Gentili Dottori,

ho sospeso anche la Sertralina ed effettuato gli esami ematochimici per la valutazione della funzionalità renale e del Testosterone. Tutti i valori sono nella norma! Ma il pene continua a non reagire al benché minimo stimolo!
Ho letto documentandomi su internet che molti medici ritengono utile in questi casi un ecocolordoppler dinamico penieno. Cosa ne pensate?
Avete altri accertamenti da suggerirmi?
La mia depressione è notevolmente peggiorata da quando soffro di questo disturbo!
Sono disperato. Aiutatemi.
Vi ringrazio!!
[#9]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
caro lettore,

l'ecocolordoppler mette in eviudenza eventuali problematiche vascolari arteriose.
Nel suo caso varrebbe la pena di farsi seguire da un andrologo che magari possa farle un esame rigiscan oltre agli esami di base
cari saluti

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio