Deficit erettile e plasmacellule

In sede di visita andrologica mi era stato diagnosticato un deficit erettile di origine arteriogenica e di grado elevato. Mi è stato prescritto, nel tempo, prima Cialis, sostituito da Levitra e ora da Spedra e Cronovir. Questa terapia dovrebbe avere una durata indefinita e ciò ha anche risvolti economici. Durante un consulto mi è stato proposto il trattamento con le plasmacellule al pene, però il costo è molto elevato, circa 1000 euro a puntura per non so quante punture. Vale la pena tentare questo rimedio, nel senso che esso è risolutivo per il problema del deficit, oppure continuare questa routine di pillole e bustine, pure loro peraltro costose? Grazie.
[#1]
Dr. Giorgio Cavallini Chirurgo generale, Andrologo, Urologo 27,3k 655 64
Cattiva signore dubito di quella terapia. Piuttosto se il problema è arterioso ultrasuoni a bassa frequenza possono essere risolutivi. Purtroppo anche questo trattamento non è mituabile

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test