Utente 299XXX
Salve, è da un paio d'anni che a seguito di gastroscopia nella quale è risultata presente un'ernia iatale soffro di dispepsia. Un farmaco che mi aiuta molto è il Levopraid (levosulpiride), ho letto più volte pareri discordanti a causa di effetti collaterali quali iperprolattinemia (come tutti i procinetici) e alterazione della libido. Dato che ultimamente la mia vita sessuale non è molto attiva, vorrei comprendere se con alterazione della libido si intende un semplice calo del desiderio sessuale oppure una vera e propria disfunzione erettile?

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
ALTAMURA (BA)
BRINDISI (BR)
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
I farmaci come il levopraid hanno come effetto quello di ridurre la libido ,cioè il desiderio sessuale , a causa di un incremento della prolattina, può manifestarsi consensualmente anche un deficit erettile .Il fenomeno è reversibile alla sospensione del farmaco. Cordiali saluti
Dott. Mario De Siati Urologo-Andrologo esercita a Foggia,Taranto,Altamura (Bari),Brindisi

[#2] dopo  
Utente 299XXX

Anche con un dosaggio di 0,25? Il problema è che non riesco a farne a meno appena stacco non riesco a digerire bene.

[#3] dopo  
Dr. Mario De Siati

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
ALTAMURA (BA)
BRINDISI (BR)
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
La sensibilità ad un farmaco cambia da soggetto a soggetto.
Dott. Mario De Siati Urologo-Andrologo esercita a Foggia,Taranto,Altamura (Bari),Brindisi

[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2000
Caro lettore

che alcuni farmaci gastrointestinali possano influire sulla libido è teoricamente possibile ma abbastanza improbabile secondo la mia esperienza che un giovane possa sentuirsi influenzato da tale terapia.
Lei ha già esperinze sessuali ?
ha una sua relazione?
ci tenga informati
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#5] dopo  
Utente 299XXX

Rimgrazio il dottor De Siati per le informazioni. Dottor Pozza, rispondo a lei: purtroppo la questione è questa, non ho una relazione sessuale da un bel pó di tempo e la cosa mi tiene preoccupato, non tanto l'astinenza quanto la possibilità che si possa verificare un'evenienza spiacevole all'occorrenza. Dubbi alimentati all'atto della masturbazione, ove non sento più quella spinta "libidinosa" e noto un calo della forza erettiva, come se non raggiungessi il massimo dell'erezione! Potrebbe accadere la stessa cosa con una donna? Questo dubbio mi tormenta!!!