Utente 456XXX
Salve sono un uomo di 39 anni, dopo L assunzione per 3 mesi di brintellix da 10 mg ho sempre riscontrato poca sensibilità al glande anche con L assunzione, poi sospendendolo questo problema persiste e in più ho poca sensibilità al tatto, ai capezzoli la disfunzione erettile è aumentata non ho più erezioni mattutine e giornaliere la eiaculazione è ritardata e non sento più nessun piacere sessuale, temo che si tratti di disfunzione sessuale post ssri la quale leggendo su weekepedia queSta problematica mi impaurisce in quanto c è la possibilità che la mia vita sessuale non torni più come prima. Sono stato in cura dai i migliori andrologi la quale mi hanno tutti detto che ciò è dovuto ai farmaci e di non avere questa maledetta pssd ma se ho letto che è difficile da diagnosticare come è possibile che mi dicano che passerà ??? Io faccio cura di cialis 20 mg 3 volte a settimana e da 1 sett mi hanno. Aggiunto anche trada mix 2 volte al giorno ma non mi fanno assolutamente niente. Chi conosce questa malattia cioè la pssd? È vero che la mia vita sessuale non tornerà più?E chi mi può aiutare ? Sono molto spaventato mi sento un condannato a morte! Vi prego di prendere in considerazione il mio aiuto e di rispondermi. Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
ALTAMURA (BA)
BRINDISI (BR)
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
Negli studi clinici sulla vortioxetina l'incidenza di disturbi sessuali è stata simile al placebo . in ogni modo,avendo sospeso l'assunzione del farmaco ,se tali disturbi fossero causati dal birntellix essi sono destinati a scomparite . I disturbi della sfera sessuale spesso hanno una causa multifatriale organica e psicogena e il suo evidente stato ansiogeno certo non aiuta a superare il problema. Segua i consigli degli specialisti che ha consultato e cerchi di essere meno ansioso. Cordiali saluti
Dott. Mario De Siati Urologo-Andrologo esercita a Foggia,Taranto,Altamura (Bari),Brindisi

[#2] dopo  
Utente 456XXX

Mi scusi dottore allora perché esiste la pssd ossia la disfunzione post ssri? Perché non riescono a diagnosticarla e perché io ho tutti i sintomi di questa bruttissima malattia ?? Le chiedo scusa se insisto ma sto malissimo sto in uno stato depressivo brutto a causa di questo problema

[#3] dopo  
Dr. Mario De Siati

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
ALTAMURA (BA)
BRINDISI (BR)
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
I pazienti che assumono questi farmaci hanno frequentemente disturbi di natura sessuale, tali disturbi scompaiono nel tempo dopo la sospensione della terapia. Nel suo caso il farmaco che ha assunto ha meno effetti collaterali rispetto ai simili della stessa classe, comunque avendo sospeso la terapia, nel tempo, il problema si risolverà. Come le dicevo i disturbi della sfera sessuale risentono oltreché di situazioni fisiche anche dello stato psicologico del soggetto e la situazione d'ansia con cui sta vivendo il problema certo non aiuta il superamento del problema. Cordiali saluti
Dott. Mario De Siati Urologo-Andrologo esercita a Foggia,Taranto,Altamura (Bari),Brindisi

[#4] dopo  
Utente 456XXX

Le chiedo scusa se insisto ma non ha risposto al perché esiste la pssd e perché nessuno la diagnostica? Cosa c' entra L' ansia con il non provare piacere? Dopo la sospensione del farmaco si era bloccata L'eiaculazione dopo due settimana è ritornata e adesso di nuovo bloccata come mai ??

[#5] dopo  
Dr. Mario De Siati

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
ALTAMURA (BA)
BRINDISI (BR)
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2000
Purtroppo le nostre risposte non possono essere precise perché manca il riscontro della valutazione diretta. Generalmente dopo la sospensione degli antidepressivi i disturbi sessuali si risolvono nel giro di qualche tempo. Se i disturbi della eiaculazione si sono risolti alla sospensione del farmaco e poi si sono ripresentati questo dimostra che il farmaco non centra nulla e che le cause vanno ricercate altrove . Ma da questa sede non potendo fare una visita non è possibile fare una diagnosi.
Dott. Mario De Siati Urologo-Andrologo esercita a Foggia,Taranto,Altamura (Bari),Brindisi