Utente 454XXX
Salve sono un uomo di 35 anni, vi scrivo perché ho un fastidio dagli inizi di novembre, in pratica a metà ottobre la mia compagna ha avuto un problema di candida poi curato, il suo ginecologo per sicurezza ha fatto assumere degli antimicotici anche a me, una compressa ogni tre giorni per una settimana. Dagli inizi di novembre però ho un bruciore sia dopo la minzione che dopo un rapporto, ho fatto due urinocoltura entrambe negative, sono stato dall'urologo che mi ha controllato la prostata ed appariva piccola, fibrosi, non dolente, mi ha prescritto nefluan da applicare direttamente nell'uretra per tre settimane. Successivamente alla cura il bruciore si è alleviato per qualche settimana, ma ora sta ricomparendo soprattutto dopo un rapporto e durante la minzione della mattina appena sveglio, inoltre è da qualche giorno che avverto una sensazione di bruciore nella zona perianale e la pelle del glande e del prepuzio è secca. Sinceramente non so più cosa fare, dovrei rivolgermi ad un andrologo? Ho qualche infezione? Vi ringrazio anticipatamente per il vostro interessamento.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in questi casi sempre risentire in diretta il suo medico di famiglia e, se da lui indicata, bene sentire, sempre in diretta anche un esperto andrologo.

Se comunque desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/199-cistiti-ed-uretriti-urina-brucia.html .

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre intesi come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com