Utente 486XXX
Salve dottori,la domanda che vorrei porle è la seguente: nella misurazione peniena,il punto di partenza da cui effettuare la misurazione stessa,dev'essere la radice del pene o proprio il pube? Nel caso di misurazione in fase stretched,questo è da considerarsi nel pube,o nella base che,logicamente,una volta tirata trasla in avanti? Potreste inoltre chiarirmi quali siano le medie italiane di tali misurazioni e quanto si possa discostare la misurazione in fase stretched da quella in fase d'erezione?
Grazie in anticipo per le vostre risposte,cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Già all inozio del secolo scorso (1900-1913) vennero eseguite le prime misurazioni che evidenziarono come la lunghezza del pene fosse influenzata da: chi misura, correnti d'aria, irradiazione luminosa, temperatura umidità è stato d animo. La cosa venne accantonata , e ripresa fra il 1980 e il 2000 per poi venire accantonata definitivamente. La possibilità che nel suo caso esista un micro fallo è 1 su un milione. Per cui una volta accertato col suo medico di base L esistenza o meno di tal perigliosa malformazione non le rimane che chiedere ad una amica di sacrificarsi per il bene della scienza.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org