Utente 110XXX
buongiorno
a novembre scorso a causa di problemi di arrossamenti e piccoli bruciori a livello della corona del pene e del glande ho fatto una visita da un urologo. Il dottore mi dice che ho una fimosi e per risolverla senza correrci dietro ogni volta con rimedi vari sarebbe opportuno operarla con circoncisione. In verità oltre a l'euroclorina non ho usato mai nulla.
Ora premetto che l,ho avuto sempre cosi da giovanissimo non è mai uscito tutto il glande fuori mai. Ho fatto naturalmente spesso sesso , sono sposato e ho due figli.
Ho rimandato il pensiero dell'operazione per problemi personali , probabile separazione da mia moglie.
Il mio pene è sempre stato storto e ora mi chiedo se questo non sia il motivo. Informandomi su internet ho visto che il mio frenulo e relativamente corto , per quello che ne posso capire io e si nota specialmentein erezione. In pratica a riposo iòl pene scorre e il glande esce snche se tirando bene fino in fondo il frenulo tira un po verso il basso il glande. Da eretto ne esce circa la metà e sotto il frenulo sembra in difficoltà. Naturalmente con la masturbazione è un po secco se dura troppo col sesso sembra meglio. Volevo capire quanto fosse necessaria l'operazione e se la circoncisione deve essere completa o parziale. Il 18 farò la visita dallo stesso specialista in vista dell'operazione perchè da novembre è passato troppo tempo. volendo posso allegare foto.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

se presente fimosi o anello fimotico significativo, generalmente viene indicata una strategia chirurgica per risolverlo; poi se "la circoncisione deve essere completa o parziale" solo il suo urologo di fiducia, dopo attenta valutazione clinica reale, potrà dirle qualcosa.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica in diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare un’indicazione corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre intesi come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com