Utente 497XXX
C'è una questione irrisolta, a cui non riesco a dare una risposta. Non riesco a capire se il mio frenulo è corto o no

Le cose stanno così: io riesco a scoprire il glande, anche se spesso ho la sensazione che la pelle sia "stretta", che non copre e scopre il glande in modo fluido, questo soprattutto in erezione. Ad ogni modo, anche se riesco a scoprirlo, la pelle non va più giù di quel tot. Si ferma sotto il glande. Se provo a mandarla più giù, quando il pene è a riposo, vedo il glande piegarsi. Se ci provo quando è in erezione dà fastidio, è questo è un problema perché è capitato già qualche volta che, durante un atto masturbatorio, magari più intenso del solito, vedessi dei piccolissimi ma molto fastidiosi taglietti sul frenulo, perché evidentemente cercando di tirar giù la pelle rischio di lacerarlo

Il punto è che, da quel che so, la pelle, proprio per favorire una corretta stimolazione dovrebbe poter scendere e risalire in scioltezza e senza limiti, quanto si vuole insomma

Ora, alla luce di quanto detto, io vorrei sapere se è il caso procedere con un intervento per recidere il frenulo oppure no

Da quel che ho letto dovrebbe essere un'operazione rapida e nemmeno costosa

Però informandomi ho anche letto che potrebbero esserci diversi effetti collaterali, come riduzione delle dimensioni, perdita di sensibilità, deficit erettivi e quant'altro

Quindi, mi appello a voi per capire se devo intervenire o no

Attendo le vostre risposte

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

vedo che lei è già molto ben informato sulle questioni che solleva circa i problemi clinici dopo una eventuale frenulectomia ma non si appelli a noi "per capire se si deve intervenire o no"; questo quesito bisogna porlo in diretta solo e sempre al suo andrologo od urologo di fiducia.

Si ricordi che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 497XXX

Beh, non proprio ben informato, diciamo che ho letto diverse testimonianze, ma avrei bisogno comunque di un parere medico riguardo i possibili effetti negativi di quell'operazione

Le chiedo gentilmente di elencarmi tutti i possibili reali effetti negativi e se possibile le probabilità che questi si verifichino

Attendo vostre risposte