Utente 924XXX
Salve,
sono un ragazzo omosessuale e ho paura di aver avuto un rapporto a rischio.
Qualche giorno fa, ho avuto un rapporto con un ragazzo incontrato diverso tempo fa. Premetto che per il sesso orale, sia per il rapporto sessuale è stato usato il preservativo ma, giorni dopo il nostro rapporto, sono venuto a sapere che come "hobby" fa il gigolò e ora ho una sorta di ansia e vorrei chiedere a Voi, per favore, se si tratta di paure fondate o meno.

Come ho già detto, è stato fatto TUTTO con il preservativo; tuttavia, l'atto di masturbazione è ovviamente avvenuto senza. Avendo toccato prima il suo pene a mano nuda e avendolo toccato con la stessa mano dopo che lui ha messo il preservativo, è possibile che una eventuale infezione possa essere passata da mano a preservativo? avendo fatto dopo del sesso orale, ho paura che qualche infezione possa essere finita nella mia bocca.

Inoltre, poco prima del sesso anale, lui ha prontamente usato un gel; ora, è possibile che, dato il suo lavoro ed essendo venuto a contatto con tante persone, qualche batterio o non so cosa, possa essere rimasto sul flacone e, una volta messo il gel sul suo pene, per ovvi motivi, sia finito nel mio ano durante il rapporto?


Ovviamente la mia preoccupazione non si riferisce solo a malattie gravi come aids o sifilide ma anche ad infezioni "minori".
Mi scuso delle domande banali ma per me che ho sempre fatto tutto protetto è un po' preoccupante.

Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da quello che ci racconta non sembra avere corso rischi "significativi ma ora bisogna comunque consultare in diretta il suo andrologo di fiducia.

Si ricordi che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com