Utente 478XXX
Salve,

Innanzitutto vi ringrazio per la disponibilità. Scrivo poichè sono un po' in ansia in quanto in vacanza e dunque impossibilitato a contattare o visitare un medico.

È da circa un paio di settimane che avverto al tatto una specie di vena/cordoncino incolore spessa un paio di mm a pene flaccido e più spessa a pene eretto. Questo cordoncino alla base del pene si presenta nella parte dorsale/sinistra del pene per poi decorrere lungo l'asta del pene nella parte laterale sinistra lungo l'asta del pene quasi fino al glande. Al tatto non mi provoca dolore. Ho letto che si potrebbe trattare di un vaso linfatico infiammato visto che è dello stesso colore della pelle circostante. Credete sia plausibile o potrebbe essere una vena?

In attesa di visistare il mio andrologo a settembre c'è qualche comportamento o farmaco che potrei assumere per far rientrare il problema?

Inoltre è possibile che questa cosa sia legata a un infiammazione all'epidimio (che ho da un paio di mesi e che non mi è ancora del tutto passata) per la quale il medico a luglio mi prescrisse 15 giorni di Reparilexin compresse 40g tre volte al giorno?

Mi scuso per il disturbo.
Grazie ancora e buona serata

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si esclude "un vaso linfatico infiammato” ma, da questa postazione, qui ci fermiamo e le ricordiamo comunque che sempre la visita medica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 478XXX

Gentile Dott. Beretta,

La ringrazio molto per la risposta. In ogni caso crede che la situazione sia da ritenersi preoccuoante o si possa aspettare fino a settembre per maggiori accertamenti? Mi conviene astenermi da attivita sessuale? Inoltre come scrivevo in precedenza crede ci possa essere una qualche correlazione con un'infiammazione dell'epidimio?

Grazie ancora per l'aiuto!

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Difficile pensare ad una correlazione con la sua “infiammazione all’epididimo”.

Appena possibile senta comunque in diretta il suo andrologo di fiducia.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 478XXX

Salve dottore,

Mi scusi se la disturbo nuovamente. Prestando maggiore attenzione a pene eretto si sente una forte pulsazione a ritmo cardiaco di questo cordoncino indurito. Immagino che dunque a questo punto si possa trattare di un'arteria. Ora mi chiedo se il fatto che sia indurita (tra l'altro solo questa arteria di sinistra) sia preoccupante o meno e se possa causare un minor afflusso di sangue al pene?

Grazie ancora

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se arteria superficiale no!

Comunque sempre bene sentire o risentire in diretta il suo andrologo di riferimento.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 478XXX

Salve dottore,

Grazie mille per la risposta. Dunque in linea di massima è normale che questa arteria essendo in superficie possa presentarsi un po' più dura al tatto o si potrebbe trattare comunque di una patologia?

Grazie ancora

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Forse una infiammazione arteriosa ma, da questa postazione, difficile confermare una situazione clinica così specifica.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com